Quali sono gli otto rami dello Yoga?

Nello Yoga Sutra, Patanjali espone le sue “otto parti dello yoga”, o ashtanga, che significa letteralmente “otto arti”. Questi otto passi fungono da guida per vivere una vita significativa.

Servono come una prescrizione per la condotta etica e morale; dirigono l’attenzione verso la propria salute; e ci aiutano a riconoscere gli aspetti più spirituali della nostra natura. Lo yoga dovrebbe essere uno stile di vita.

Gli Yoga Sutra di Patanjali

Potresti aver sentito parlare del Noble Eightfold Path, che è una linea guida che seguono molti buddhisti. Gli yoga sutra di Patanjali sono in qualche modo simili in quanto sono otto passi che ti aiuteranno a condurre una vita più significativa.

Questi sutra sono anche conosciuti come “ashtanga”, che può essere tradotto come “otto arti”. Ognuno di questi arti o rami ha uno scopo, e il loro scopo è di aiutarvi a vivere una vita più disciplinata. Non solo, ma ti permettono di raggiungere l’auto realizzazione, che porta a una vita con meno sofferenze e più serenità interiore.

1. Yama

Il primo ramo si chiama Yama e ha a che fare con il tuo codice morale. Il punto focale di questa prima parte è il modo in cui agiamo nella nostra vita quotidiana nella sfera sociale.

Nel complesso, ci sono 5 Yamas:

  • Ahimsa: non violenza
  • Satya: veridicità
  • Asteya: non rubare
  • Brahmacharya: continenza
  • Aparigraha: non-possesso

Si dice che questi Yamas non sono influenzati dalla tua posizione sociale nella vita, ma che ognuno può imparare la saggezza applicando questi principi.

Yoga-Foto di Trust "Tru" Katsande su Unsplash
Yoga-Foto di Trust “Tru” Katsande su Unsplash

2. Niyama

D’altra parte, i Niyama sono le qualità che pratichi all’interno per migliorare e / o disciplinare te stesso. In un certo senso, è simile a Yamas, ma invece di pratiche esterne che aiutano a cambiare la società in meglio, stai cercando di cambiare te stesso.

Questa distinzione può anche essere vista nel nome stesso. Il “Ni” in Niyama è in realtà un verbo in sanscrito che significa “dentro”. Solitamente, solo quelli che vogliono davvero praticare ulteriormente il loro stile di vita yogico sono quelli che osservano il Niyama. Dopotutto, non tutti sono a proprio agio nel guardarsi dentro.

Ma senza dubbio, fare questi Niyama ti aiuterà a migliorare te stesso e a diventare una persona migliore.

Ci sono  5 Niyama:

  • Saucha: pulizia
  • Santosha: contentezza
  • Tapas: desiderio ardente
  • Svadhyaya: auto-riflessione
  • Isvarapranidaha:  arrendersi a Dio o un potere più elevato

3. ASANA

Sono dinamiche danze interne sotto forma di posture fisiche. Questi aiutano a mantenere il corpo forte, flessibile e rilassato. La loro pratica rafforza il sistema nervoso e affina il nostro processo di percezione interiore.

Inizialmente il termine Asana Che significa “posto a sedere” e cioè la posizione più comoda per meditare. Pratanjali non indicazioni specifiche: ciò che conta è che tu sia seduto in una posizione comoda e ferma.

Ci sono sicuramente posizioni yoga che ti aiutano. Ad esempio, la posizione del fior di loto è una delle tante pose ideali per meditare.

È comprensibile che Asana sia il terzo arto perché una volta migliorato te stesso all’esterno e all’interno, ora puoi concentrarti sulla tua mente attraverso la meditazione.

yoga-Foto di Juliette Leufke su Unsplash
yoga-Foto di Juliette Leufke su Unsplash

4. Pranayama

Pranayama significa controllo del respiro ed è il quarto ramo dello yoga. Non si tratta semplicemente di respirare, bisogna prestare attenzione alle tecniche di respirazione che aiutano a concentrarsi. La parola “pranayama” può essere intesa come “estensione della forza vitale”, motivo per cui molti praticanti yoga ritengono che uno dei benefici sia una vita prolungata.

Se sei occupato e non hai il tempo di includere il pranayama nella tua sessione di yoga, allora c’è un altro modo più semplice per praticarlo: basta sedersi comodamente e fare alcuni esercizi di respirazione.

Per essere più precisi, Pratanjali ha detto che quando fai tecniche di respirazione, devi farlo in modo ciclico. Tienilo a mente la prossima volta che fai la pratica del Pranayama perchè queste pratiche aiutano a sviluppare la costanza nel movimento del prana, o forza vitale.

 5. Pratyahara

Il suo significato è “il controllo dei sensi”, questa tecnica insegna a liberare la mente da tutto ciò che è negativo.

E’ l’intenzione di portare la propria attenzione verso il silenzio interiore piuttosto che verso le cose esterne.

In questo ramo, ti ritiri dai sensi quotidiani che vedi, senti, ascolti, ecc. Così facendo, sarai in grado di focalizzare completamente la tua attenzione all’interno. Praticare il Pratyahara ti permette di guardarti in modo obiettivo.

Questa è una pratica consapevole, quindi puoi notare gli odori o ascoltare i suoni, ma non dovresti permettere loro di attirare la tua attenzione. Ciò ti consente di immergerti completamente nella meditazione senza essere distratto da fattori esterni.

 6. Dharana

Concentrare l’attenzione e coltivare la consapevolezza percettiva interiore

Dharana viene dopo il Pratyahara e sono strettamente collegati tra loro. In effetti, si potrebbe anche dire che vanno di pari passo. Dharana significa “concentrazione” e puoi farlo con successo solo dopo esserti ritirato dalle distrazioni esterne (Pratyahara).

In questo ramo, puoi rivolgere la tua attenzione alle distrazioni esterne o della tua mente. Naturalmente, questo non è così semplice come sembra, ma puoi renderlo più facile concentrandoti su un oggetto specifico nella tua mente.

Questo può essere qualsiasi cosa, un suono ripetuto come un mantra  o un’immagine. Fortunatamente, i rami precedenti  hanno permesso di affinare le tue abilità di concentrazione, e questo ti porterà grandi benefici durante Dharana.

Una ragione per cui Dharana è efficace è perché concentrarsi su un solo oggetto o semplicemente concentrarsi in generale per un lungo periodo di tempo porterà alla fine a meditare.

rami dello yoga-link-1142093-unsplash
-holger-link-1142093-unsplash

 7. Dhyana

Sostenere la consapevolezza in tutte le condizioni

Dhyana significa “meditazione“, può sembrare che sia uguale a Dharana ma in realtà sono diversi. Come accennato prima, la concentrazione dopo un po’ porta alla meditazione. Ed è solo quando sei immerso nella tua meditazione che inizia Dhyana.

In questa fase, non è più necessario concentrarsi su una cosa specifica, ma si sarà in grado di essere consapevoli rimanendo allo stesso tempo concentrati nel proprio focus. La mente ora si è calma e non c’è più nulla che possa distrarti.

 

 8. Samadhi

Il ritorno della mente nel silenzio originale.

Ultimo ma non meno importante è Samadhi, 8° ramo. È uno stadio che può essere descritto come “estasi” o addirittura “illuminazione”. Dopo aver osservato te stesso all’esterno e all’interno, puoi ora raggiungere lo stato di “felicità”.

In questo stato, ti sentirai come se fossi connesso a tutti gli esseri viventi. Alcuni direbbero addirittura che ti sentirai connesso al divino, ma Patanjali non si spinge a tanto. Questo è il motivo per cui il samadhi può essere associato alla beatitudine o all’illuminazione perché ti sentirai in pace con l’universo.

 meditazione-Foto di Samuel Austin su Unsplash
meditazione-Foto di Samuel Austin su Unsplash

Conclusione

Ora che lo yoga è una pratica comune anche in Italia, non fa male essere un po ‘più informati a riguardo.Tutti e otto questi rami hanno lo scopo di aiutarti a migliorare te stesso e permetterti di vivere una vita libera e pura.

E’ sicuramente l’ideale incorporare questi 8 rami nella tua vita quotidiana e durante la tua routine di yoga.

Tuttavia, non dovresti sentire di dover perfezionare tutti questi precetti al primo tentativo. Questo è un processo e imparare ed avanzare in tutte e otto le forme richiederà molto tempo.

 

Per saperne di più

 

 

Se sei arrivato a leggere fino qua, allora significa che l’argomento è di tuo interesse, iscriviti al sito così potrai essere avvisato quando uscirà il prossimo approfondimento!!!

Non c’è niente di più bello e potente che imparare.

Quando impari a chiedere,

cominci ad ottenere.

Un abbraccio,

Roberta

Namaste

PS: sarei veramente contenta se tu lasciassi un commento con qualche feedback qui sotto il post.

A te prende un minuto del tuo tempo, per me è fonte di grande soddisfazione!

Grazie

Commenta con il tuo account Facebook

Disclamer dell'autore

Roberta
Roberta
Tutto quanto viene pubblicato su viviliberamente.com ha carattere puramente divulgativo e orientativo e non sostituisce assolutamente una consulenza medica.

Eventuali decisioni che dovessero essere prese dai lettori, sulla base dei dati e delle informazioni riportate nel sito saranno da considerarsi come assunte in piena autonomia decisionale e a proprio rischio.