Tempo stimato di lettura: 4 minuti

Anticipando Stonehenge di 6.000 anni, lo straordinario Gobekli Tepe della Turchia ribalta la visione convenzionale dell’ascesa della civiltà

Si pensava fino a poco fa che le aggregazioni urbane organizzate e i centri religiosi più antichi dell’uomo, databili intorno al 6/7.000 a.C. fossero quelli di Gerico e di Catal Hüyük in Turchia. Invece ora si è certi, dopo gli ultimi esami al radiocarbonio 14 sul materiale di origine organico ritrovato negli scavi, che le costruzioni scoperte recentemente sempre in Turchia, a circa 20 Km dalla città di Sanlurfa, sono le più antiche finora conosciute sul nostro pianeta.

Un archeologo tedesco che lavora qui da più di un decennio, Klaus Schmidt, è convinto che sia il sito del tempio più antico del mondo.

Questo nuovo ed enigmatico sito è: Göbekli Tepe la cui età è attribuibile al 10/11.000 a. C.

ADS

Quindi un centro cultuale di oltre 13.000 anni fa.

La scoperta di Göbekli Tepe ha cancellato tutte le sicurezze accademiche che davano l’inizio della civiltà umana, grazie alla scoperta dell’agricoltura e dell’addomesticamento animale, intorno al 6.000 a. C.

“Questo è il primo luogo santo costruito dall’uomo”, dice Schmidt.

Da questo trespolo a 300 piedi sopra la valle, possiamo vedere l’orizzonte in quasi tutte le direzioni. Proviamo ad immaginare come sarebbe stato il paesaggio 11.000 anni fa, prima che secoli di agricoltura intensiva e insediamenti lo trasformassero nella distesa marrone quasi informe che è oggi.

Le popolazioni preistoriche avrebbero contemplato branchi di gazzelle e altri animali selvatici; fiumi che scorrono dolcemente, che attiravano oche e anatre migratrici; alberi da frutto e noci; e campi increspati di orzo selvatico e varietà di grano selvatico come il farro.

“Questa zona era come un paradiso”, afferma Schmidt, membro dell’Istituto archeologico tedesco. In effetti, Gobekli Tepe si trova all’estremità settentrionale della Mezzaluna Fertile, un arco di clima mite e terra arabile dal Golfo Persico agli attuali Libano, Israele, Giordania ed Egitto, e avrebbe attirato cacciatori-raccoglitori dall’Africa e dal Levante . E in parte perché Schmidt non ha trovato prove che le persone risiedessero permanentemente sulla cima del Gobekli Tepe stesso, crede che questo fosse un luogo di culto su una scala senza precedenti: la prima “cattedrale su una collina” dell’umanità.

Gobekli Tepe è stato esaminato per la prima volta e licenziato dagli antropologi dell’Università di Chicago e dell’Università di Istanbul negli anni ’60. Come parte di un’ampia ricognizione della regione, hanno visitato la collina, hanno visto alcune lastre di calcare rotte e hanno ipotizzato che il tumulo non fosse altro che un cimitero medievale abbandonato. Nel 1994 Schmidt stava lavorando alla propria indagine sui siti preistorici nella regione. Dopo aver letto una breve menzione della cima della collina disseminata di pietre nel rapporto dei ricercatori dell’Università di Chicago, ha deciso di andarci lui stesso. Dal momento in cui l’ha visto per la prima volta, ha capito che il posto era straordinario.

A differenza degli altipiani vicini, Gobekli Tepe (il nome significa “collina del ventre” in turco) ha una cima leggermente arrotondata che si erge a 50 piedi sopra il paesaggio circostante. Agli occhi di Schmidt, la forma risaltava. “Solo l’uomo avrebbe potuto creare qualcosa del genere”, dice. “È stato subito chiaro che si trattava di un gigantesco sito dell’età della pietra”. I pezzi di calcare rotti che i primi geometri avevano scambiato per lapidi assunsero improvvisamente un significato diverso.

Schmidt tornò un anno dopo con cinque colleghi e scoprirono i primi megaliti, alcuni sepolti così vicino alla superficie da essere sfregiati dagli aratri. Man mano che gli archeologi scavavano più a fondo, hanno portato alla luce pilastri disposti in cerchio. Il team di Schmidt, tuttavia, non ha trovato nessuno dei segni rivelatori di un insediamento: nessun focolare, case o pozzi della spazzatura e nessuna delle figurine della fertilità in argilla che sparpagliano siti vicini all’incirca della stessa età. Gli archeologi hanno trovato prove dell’uso di strumenti, inclusi martelli e lame di pietra. E poiché quei manufatti assomigliano molto ad altri provenienti da siti vicini precedentemente datati al carbonio intorno al 9000 aC, Schmidt e colleghi stimano che le strutture in pietra di Gobekli Tepe abbiano la stessa età. La datazione al carbonio limitata intrapresa da Schmidt nel sito conferma questa valutazione.

Per come la vede Schmidt, il terreno in pendenza e roccioso di Gobekli Tepe è il sogno di uno scalpellino. Anche senza scalpelli o martelli di metallo, i muratori preistorici che maneggiavano strumenti di selce avrebbero potuto scheggiare gli affioramenti di calcare più tenero, modellandoli in pilastri sul posto prima di portarli a poche centinaia di metri fino alla vetta e sollevarli in posizione verticale. Poi, dice Schmidt, una volta che gli anelli di pietra erano finiti, gli antichi costruttori li coprivano di terra. Alla fine, hanno posizionato un altro anello vicino o sopra quello vecchio. Nel corso dei secoli, questi strati hanno creato la cima della collina.

I libri di storia pertanto vanno riscritti, ma questo lo diceva molti anni fa anche l’archeologo Sabatino Moscati che a causa di questa sua affermazione, dai saccenti dell’epoca, fu condannato come “eretico”.

L’archeologo Klaus Schmidt, direttore degli scavi, ha dichiarato alla stampa: “. se è vero che i cacciatori-raccoglitori dell’Età della Pietra siano stati i costruttori di qualcosa come Göbekli Tepe, allora cambia radicalmente la nostra visione del mondo, perché mostra che la vita degli antichissimi nostri antenati, in questa regione della Turchia, era di gran lunga più progredita di quanto si sia mai concepito.

E’ come s divinità scese dal cielo avessero costruito Göbekli con le loro mani …. Questo che abbiamo portato alla luce è appena il 5% …. chissà quali altre sorprese ci attendono…”

La nota giornalista scientifica USA, Linda Moulton-Howe, ha visitato questi scavi nel sud della Turchia, constatando che sia i pilastri che le steli sono decorati con bassorilievi di straordinaria fattura, una tecnica che resta incomprensibile per quel lontano periodo.

La giornalista è convinta che qui possa emergere la vera storia dell’Umanità, ben diversa da quella che finora conosciamo.

Tra tutti i totem che sono stati scoperti e riportati alla luce, uno in particolare per la giornalista Linda è quello più enigmatico, infatti è rappresentata la nascita o la creazione di un bimbo umano ad opera di una creatura non umana.

E’ come se questa stele in pietra ci volesse dire: ” noi vi abbiamo creato…”

Ma chi?


 

Contattaci se vuoi scrivere per noi

0 0 votes
Gradimento Articolo
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments