La borsa degli dei è uno degli enigmi più interessanti da risolvere e si fa risalire all’antica Mesopotamia, detta la culla della civiltà; dove un motivo misterioso ha spinto molti autori a mettere in discussione la storia come ci è stata sempre insegnata.

Gli antichi Sumeri raffiguravano gli antichi Anunnaki con oggetti curiosi. Due degli oggetti più interessanti visti nelle antiche divinità sumeriche erano “l‘orologio da polso” visto su quasi tutte le rappresentazioni, e la misteriosa “borsa” portata in mano dagli Dei.

Curiosamente, se si viaggia per migliaia di chilometri in tutto il mondo dalla Mesopotamia alle Americhe, troveremo che gli antichi Maya, Aztechi e altre antiche civiltà utilizzavano lo stesso motivo quando descrivevano le loro divinità.

OFFERTE PROMOZIONALI A TEMPO LIMITATO




Inoltre, se ci troviamo in viaggio in Egitto vedremo che il simbolo Ankh è stato anche portato in giro dagli dei proprio come la borsa misteriosa nell’antica Mesopotamia e nelle Americhe.

Perché civiltà antiche in America, Egitto e Mesopotamia raffiguravano le loro divinità con un oggetto misterioso in mano? È possibile che tutte le antiche culture in America, Egitto e in Mesopotamia sono state visitate dagli stessi “Dei”?

È interessante notare che gli antichi Anunnaki sono stati quasi sempre rappresentati in una forma umanoide, anche se numerosi tratti indicano chiare differenze tra gli Anunnaki e gli esseri umani ordinari, i tratti del viso degli antichi Anunnaki Dei erano sempre ben nascosti grazie alle grandi barbe.

Proprio come gli antichi Sumeri che raffiguravano le loro divinità in forma umanoide, anche per gli antichi egizi, e le diverse culture del continente americano hanno fatto la stessa cosa.

La domanda ovvia è: perché?

Perché antiche culture separate da migliaia di chilometri l’una dall’altra, rappresentavano le loro divinità in un modo quasi identico?

Inoltre, come è anche possibile che gli antichi Sumeri raffiguravano questi esseri con in mano una borsa misteriosa degli Dei, e anche altre persone in tutto il mondo facevano la stessa cosa?

Presso il sito archeologico di La Venta, troveremo una stele di pietra raffigurante l’antico mesoamericana Dio Quetzalcoatl ovvero il “serpente piumato”, che curiosamente tiene in mano la stessa borsa che vediamo nelle antiche raffigurazioni sumere.

Ma questo non è l’unico sito in Messico, dove è stata trovata la rappresentazione curiosa.

Se andiamo a Tula, un importante centro regionale che ha raggiunto il suo apice come la capitale dell’Impero tolteca tra la caduta di Teotihuacan e l’ascesa di Tenochtitlan, troveremo le loro enormi statue di “Atlantide”, e se osserviamo più da vicino, si può notare che ancora una volta la borsa misteriosa degli Dei è presente.


Se andiamo a Gobekli Tepe , che si trova su una collina a distanza nel sud della Turchia troveremo la stessa cosa.

Gobekli Tepe è uno dei più antichi (se non il più vecchio) antichi templi megalitici sul nostro pianeta. Lì, intricati massicci pilastri in pietra disposti in una serie di anelli che puntano verso l’alto, e fiera di raccontare una storia millenaria; quando diverse civiltà governavano su tutto il pianeta.

Si credeva che queste enormi pietre furono scolpite da neolitici cacciatori-raccoglitori circa 12.000 anni fa, anche se sottolinea recenti prove verso il fatto che, il tempio misterioso, che si compone di tre grandi cerchi di pietra è stato deliberatamente sepolto per un motivo sconosciuto in un lontano passato.

Dopo 13 anni di scavi, gli archeologi che studiano l’antico sito non sono riusciti a recuperare un singolo strumento di taglio della pietra. Nessuno è stato in grado di capire come l’umanità antica ha eretto alcune delle più grandi fabbriche di pietra del pianeta.

La presenza della borsa misteriosa degli Dei, indica che queste due culture erano collegate in modo misterioso?

Perché antiche culture ritraggono i loro Dei che trasportano la borsa misteriosa? Cosa c’era dentro?

E, soprattutto, come è anche possibile che la borsa misteriosa è presente in diverse civiltà in tutto il mondo, che secondo gli studiosi tradizionali non sono mai stati collegati tra loro?

Che cosa succede se gli antichi Anunnaki rappresentati dagli antichi Sumeri, sono gli stessi Dei che hanno visitato gli antichi Maya, Aztechi, Toltechi civiltà olmeca e sono di fatto la stessa cosa?

Cosa ne pensi di questo misteriosa borsa degli Dei rappresentata in varie culture? Pensi che sia solo una coincidenza che questi tre siti, e anche più, sono dotati tutti della stessa cosa?

Che cosa potrebbe essere stato portato dagli ‘dei’ che era così importante che quasi tutte le culture antiche hanno dovuto illustrarla?

Un breve video del noto canale YouTube di Omega Click che ci offre il suo “punto di vista”:

APPROFONDIMENTI

IL BUDUDIO O LA SECCHIA

La mano sinistra può contenere un piccolo secchio ( banduddu in accadico) pieno di liquido. Il dott. Mouad Saed Al-Damirchi, ex direttore generale della Direzione generale delle antichità in Iraq, una volta mi disse che questo fluido poteva essere acqua di neve che si scioglieva; Gli assiri pensavano che la neve sulle montagne fosse spaventata dal cielo (dei / dee). Questo, combinato con una pigna nella mano destra, è la rappresentazione più comune. Ogni Apkallu possiede un secchio diverso dagli altri.
clip_image009

Bucket Held di un Apkallu

Periodo neo-assiro, 865-860 aC. Particolare del Pannello 2, Sala G, il Palazzo Nord-Ovest di Nimrud, l’Iraq moderno.
Questo secchio, pieno di liquido, è trattenuto dalla mano sinistra di uno spirito protettivo a testa umana. Le estremità del secchio sono fissate su supporti a forma di uccello. Si noti come lo scultore abbia graffiato le linee orizzontali per scolpire “l’Iscrizione standard” di Ashurnasirpal II. La mano e il secchio dello spirito sono coperti da pochi segni cuneiformi. Analizza bene e confronta questi dettagli raffinati con quelli dei quattro esempi seguenti; tutti questi secchi sono diversi l’uno dall’altro.
clip_image010

Bucket Held di un Apkallu

Periodo neo-assiro, 865-860 aC. Particolare del pannello 6, sala G, il palazzo nord-ovest di Nimrud, l’odierna Iraq.
Appena sotto la parte centrale del bordo superiore di questo secchio, c’è un disco alato, un simbolo del dio Assur. Lo scultore intagliò i segni cuneiformi su tutte le dita della mano sinistra dello spirito protettivo e del secchio.
clip_image011

Bucket Held di un Apkallu

Periodo neo-assiro, 865-860 aC. Particolare del pannello 23, sala B, il palazzo nord-ovest di Nimrud, l’odierna Iraq.
Questa è la mano sinistra di uno spirito protettivo a testa umana, che sta dietro Ashurnasirpal II (non mostrato qui) con un secchio.
clip_image012

Bucket Held di un Apkallu

Periodo neo-assiro, 865-860 aC. Particolare di un pannello di rivestimento della Sala I, il Palazzo Nord-Ovest di Nimrud, l’odierna Iraq.
La mano sinistra di uno spirito protettivo a testa di aquila tiene un secchio. Notare l’assenza di segni cuneiformi in questo pannello, perché la “Iscrizione standard” è stata scolpita sopra il pannello.
clip_image013

Bucket Held di un Apkallu

Periodo neo-assiro, 865-860 aC. Particolare di un pannello della Sala I, il Palazzo Nord-Ovest di Nimrud, l’odierna Iraq.
Uno spirito protettivo a testa di aquila tiene un secchio, privo di segni cuneiformi. Si noti che il fondo del secchio non è piatto.

IL CONO DEL PINO

Quando la mano sinistra tiene un secchio, la mano destra di solito tiene quello che sembra essere una pigna ( mullilu in accadico). L’Apkallu immerge il cono nel secchio e spruzza il Re (e le persone intorno a lui) con quel fluido in cerimonie rituali per purificarli.
clip_image014

Cono di pino tenuto da un Apkallu

Periodo neo-assiro, 865-860 aC. Particolare del pannello 4, sala F, il palazzo nord-ovest di Nimrud, l’odierna Iraq.
La mano destra di uno spirito protettivo a testa di aquila tiene una pigna e spruzza il liquido sulla parte posteriore della testa del re (parte inferiore sinistra dell’immagine rappresenta i capelli del re).
clip_image015

Cono di pino tenuto da un Apkallu

Periodo neo-assiro, 865-860 aC. Particolare del pannello 4, sala G, il palazzo nord-ovest di Nimrud, l’Iraq moderno.
La mano destra di uno spirito protettivo a testa umana tiene una pigna e spruzza fluido sul retro della testa di un inserviente reale; la punta del cono si trova di fronte alla corda dell’arco tenuto da quell’operatore.
So che ci sono tante teorie sul possibile utilizzo di questi strumenti, ma non ho approfondito ulteriormente la ricerca, qualcuno vorrebbe e potrebbe apportare un contributo?

Disclamer dell'autore

Carla
Carla
Sono specializzata in content marketing, chief content officer e social media strategy, insomma tanti bei paroloni per dire che mi occupo di comunicazione aziendale. Mi piace scrivere, sono curiosa per natura e mi piacerebbe creare delle amichevoli discussioni sugli argomenti trattati.

Disclamer dell'autore:
Tutto quanto viene pubblicato su viviliberamente.com ha carattere puramente divulgativo e orientativo e non sostituisce assolutamente una consulenza medica.

Eventuali decisioni che dovessero essere prese dai lettori, sulla base dei dati e delle informazioni riportate nel sito saranno da considerarsi come assunte in piena autonomia decisionale e a proprio rischio.
ADV
karmaweb.net