Tempo stimato di lettura: 6 minuti

Gli esseri umani come specie amano trarre ispirazione da culture, costumi e tradizioni diverse e, che ci crediate o no, il Natale non è diverso. Se pensavi che quelle tradizioni accoglienti che conoscevi e amavi riguardassero solo la celebrazione del Natale, ripensaci! Cose come i baci sotto il vischio, i canti natalizi, le ghirlande e persino lo scambio di regali erano tutti aspetti delle festività pagane che nei primi anni furono adattati alle celebrazioni natalizie.

Decorare gli alberi, banchettare con i propri cari, appendere i calzini accanto al camino e brindare all’ultimo non sono diversi: fanno tutti parte della storia pagana e delle festività sacre. Infatti, la maggior parte degli aspetti culturali che associamo al Natale sono intrisi di radici pagane.

Abbiamo deciso di intervallare queste informazioni con dei simpatici sketch tratti da the Big Bang Theory che ci hanno divertito tanto… speriamo anche a voi…

Chi erano i pagani?

Per prima cosa, cosa intendiamo quando diciamo pagano? Questo è un termine ampio che comprende chiunque, dai romani ai norvegesi in Scandinavia. Quando il cristianesimo si diffuse in Europa nei primi anni d.C., i missionari conobbero molti gruppi diversi di persone con diversi sistemi religiosi e credenze. Tutte queste persone e religioni sono state raggruppate nel termine onnicomprensivo di “pagano”.

ADS

Sebbene i cristiani avessero l’obiettivo di diffondere la loro religione in tutta Europa, erano ancora piuttosto affascinati da molti usi e costumi dei pagani. Chiaramente erano abbastanza affascinati da raccogliere alcune di quelle credenze e tradizioni e adattarle come parte delle celebrazioni cristiane, o più probabilmente lo fecero per favorire la transizione nel popolo.

La celebrazione del solstizio d’inverno

Continua a leggere e scoprirai che il Natale è ispirato alle tradizioni dei romani, dei celti, dei norvegesi, dei druidi e altro ancora (tutti pagani). A quel tempo, tutti questi diversi gruppi condividevano una grande festa che cadeva nel periodo natalizio: il solstizio d’inverno. Le persone che vivono nell’emisfero settentrionale celebrano il solstizio d’inverno (o il giorno più corto dell’anno) proprio a metà dicembre, ed è per questo che il Natale è capitato proprio nello stesso periodo di molte festività pagane esistenti.

Il solstizio d’inverno era una parte enorme della vita pagana. Poiché erano principalmente contadini, l’inverno segnava la fine del raccolto dell’anno e la possibilità di godere della compagnia dei propri cari e di riposarsi dalla fatica dei campi. I pagani potevano smettere di coltivare durante l’inverno e dedicarsi invece all’adorazione dei loro vari dei e alla celebrazione con coloro che li circondavano. Poiché l’inverno nell’emisfero settentrionale tende ad essere un periodo di tempo buio, freddo e affamato, il solstizio d’inverno è stato celebrato per aiutare a intrattenere le persone e divertirsi fino a quando il sole non è tornato a girare.

Quindi, ora che hai un’idea dello sfondo, diamo un’occhiata ad alcune tradizioni pagane che sono state associate al Natale.

1. Fare doni e Saturnalia
Non solo dicembre è un momento per celebrare il solstizio d’inverno, ma tra il 17 e il 24 del mese, i romani celebravano anche i Saturnali. Questa era una festa pagana in onore del dio agricolo, Saturno. I romani trascorrevano la settimana dei Saturnali in modo molto simile a come trascorriamo le vacanze di Natale oggi: banchettando, bevendo, facendo regali ed essendo gioiosi.

In questi giorni sborsiamo tanti soldi per i regali di Natale, ma allora i romani si scambiavano piccoli doni in segno di buon auspicio. L’idea era di fare un regalo nella speranza di portare un raccolto abbondante l’anno successivo. Piuttosto che avere enormi liste di doni da fare, i romani condividevano anche un solo dono con un’altra persona. Da qualche parte lungo la linea, fare regali per fortuna e prosperità è diventato un affare multimilionario… non è divertente?

2. Immagine di Babbo Natale e calze di Natale
La nostra attuale immagine moderna di Babbo Natale, vestito di pelliccia rossa con una grande barba bianca, è stata ampiamente sviluppata da Coca-Cola negli anni ’30. Ma l’idea di un vecchio che fa regali ai bambini risale a molto prima, al tempo dei pagani.

Babbo Natale, altrimenti noto come San Nicola, era un santo patrono dei bambini, dei poveri e delle prostitute. Vissuto intorno al IV secolo d.C., San Nicola era un vescovo generoso noto per fare doni ai poveri, sfoggiando una grande barba e un lungo mantello proprio come il Babbo Natale che conosciamo e amiamo.

Ma anche prima di San Nicola, c’era un altro vecchio barbuto chiamato Odino. Questa divinità era adorata dalle prime tribù pagane germaniche, tradizionalmente rappresentate come un vecchio con una lunga barba bianca con un cavallo a 8 zampe chiamato Sleipnir che avrebbe cavalcato attraverso i cieli (proprio come le renne di Babbo Natale). Durante l’inverno, i bambini riempivano i loro bottini di carote e paglia e li lasciavano vicino al camino perché Sleipnir si nutrisse. Odino volava e premiava i bambini con piccoli regali nelle loro scarpette, proprio come facciamo oggi con le calze di Natale.

Il Babbo Natale che tutti immaginiamo nelle nostre teste oggi è un miscuglio del generoso San Nicola, il dio Odino e Sleipnir e l’iconico personaggio vestito di rosso della Coca-Cola.

3. Canti natalizi
Mentre i canti che cantiamo per Natale sono innegabilmente cristiani, la tradizione stessa di andare di porta in porta cantando ai tuoi vicini deriva da un’altra tradizione pagana chiamata wassailing. La parola piuttosto divertente deriva dalla frase anglosassone di “waes hael”, che si traduce in “buona salute”. Ogni anno, i wassailer vagavano per i loro villaggi in piccoli gruppi, cantando ad alta voce con l’obiettivo di scacciare gli spiriti maligni e augurare buona salute a coloro che li circondavano.

Nessun gruppo di wassailing era completo senza la loro bevanda tradizionale a portata di mano, a base di birra calda, panna cagliata, mele tostate, uova, spezie e zucchero. Nel XIII secolo San Francesco si ispirò a questi allegri cori e diede inizio alla tradizione dei canti natalizi.

4. Baciarsi sotto il vischio
Ti sei mai chiesto quale sia la correlazione tra vischio e bacio? Ebbene, stranamente, la tradizione risale ai pagani. Tutti, dai romani e dai celti ai druidi e ai norvegesi, avevano un debole per il vischio. Era considerata una pianta altamente sacra, coinvolta in numerosi riti pagani.

Nel mondo romano, il vischio onorava il dio Saturno. Per renderlo felice, eseguivano rituali di fertilità sotto rametti di vischio – sì, è proprio quello che sembra! L’abbiamo certamente attenuato per quanto riguarda il vischio e l’abbiamo lasciato con un semplice bacio – probabilmente una buona idea dato che la famiglia è sempre in giro.

Nel mondo dei Druidi, il vischio simboleggiava la pace e la gioia. In tempo di guerra, se i nemici si incontrassero sotto il vischio dei boschi, allora lascerebbero cadere le armi e stringerebbero una tregua fino al giorno successivo. In un certo senso, il bacio è una forma di tregua…

5. Abbellire i corridoi con l’agrifoglio
Il vischio non era l’unica pianta sacra per i pagani. L’agrifoglio era un’altra pianta sacra collegata al dio Saturno. Durante la festa dei Saturnali, i romani realizzavano ghirlande di agrifoglio da scambiare come doni portafortuna. Al tempo dei Saturnali, i primi cristiani iniziarono a celebrare il Natale, tuttavia furono spesso perseguitati per aver praticato la loro nuova religione. È stata una fortuna che il Natale abbia coinciso con i Saturnali in quanto ha permesso ai cristiani di ospitare una copertura per le loro celebrazioni natalizie.

Per evitare di essere scoperti e far sembrare che stessero celebrando i Saturnali, i cristiani iniziarono ad appendere ghirlande di agrifoglio intorno alle loro case. Questo ha permesso loro di riconoscere altri cristiani e fare comunque qualcosa di carino per celebrare la loro sacra festa. Alla fine, con la diminuzione dei pagani, l’agrifoglio divenne un simbolo del Natale invece dei Saturnali.

6. Decorazione dell’albero di Natale
Sicuramente ci siamo ispirati molto ai romani e la decorazione dell’albero è solo un’altra tradizione presa in prestito! Oltre a banchettare, bere e scambiarsi doni durante i Saturnali, i romani appendevano anche piccoli ornamenti di metallo sugli alberi fuori dalle loro case. Ciascuno di questi piccoli ornamenti rappresentava un dio, Saturno o il santo patrono personale della famiglia.

Le prime tribù germaniche praticavano una simile tradizione di decorazione degli alberi, questa volta con frutta e candele per onorare il dio Odino durante il solstizio d’inverno. I cristiani sembravano aver fuso la decorazione dell’albero con ornamenti, candele e frutta per rendere la decorazione dell’albero di Natale una tradizione stravagante.

Cosa “non fare” la Vigilia di Natale

Ma ecco anche come bonus 🙂 un elenco di 7 cose da NON fare la Vigilia di Natale:

  1. Le luci dell’albero e quelle adibite a decorazione, non devono venir spente dalla sera del 24 alle prime ore della mattina di Natale. Questo al fine di illuminare la notte silente, come la cometa che guidava i re magi.
  2. Nelle case dove c’è un caminetto, il “ceppo” deve ardere tutta la notte senza mai spegnersi: il mito afferma che in questo modo, l’anno successivo sarà privo di sfortuna.
  3. Non gettate tutte le lische di pesce alla fine del cenone: conservatene almeno una, se volete che nell’anno a venire, non manchi mai il denaro.
  4. Non regalate gioielli a forma di croce, perchè si festeggia la nascita di Nostro Signore e non la morte; regalarli dunque è segno di sofferenze per l’anno a venire.
  5. Evitate ogni tipo di discussione: sarebbe di cattivo auspicio
  6. Non spazzate la casa, e se dovete proprio farlo raccogliete l’immondizia al centro della stanza.
  7. Durante la cena nessuno deve sedersi con le spalle al muro; anche questa superstizione cecoslovacca, sembra essere molto seguita.
E voi la sapevate che tutte queste usanze per noi comune sono di origine pagana?
0
Please leave a feedback on thisx
… buone feste a tutti !!!

0 0 votes
Gradimento Articolo
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments