giovedì, 23 Settembre 2021
banner karmaweb
More
    HomeUfologia ed EsoterismoI pleiadiani, extraterrestri "nordici" di cui si trovano tracce nelle culture più...

    I pleiadiani, extraterrestri “nordici” di cui si trovano tracce nelle culture più antiche

    Antiche civiltà di tutto il mondo hanno parlato di esseri angelici discesi dal cielo, inviati da Dio per assistere l’umanità condividendo la loro saggezza spirituale ed emotiva con i terrestri. Queste entità mitologiche sembrano continuare la loro missione fino ad oggi, e molti credono che siano emissari dallo spazio, una specie extraterrestre conosciuta come razza nordica o pleiadiana.

    Come integrazione a questo articolo vi invitiamo a leggere anche l’articolo interamente dedicato agli extraterrestri di tipo “Nordico”.

    Secondo molti autori canalizzatori i Pleiadiani hanno un caratteristico aspetto “nordico” o scandinavo, una durata di vita di 700 anni, e mentre sono, in termini evolutivi, ancora in una fase di evoluzione anche loro, sono comunque molto più emotivamente e spiritualmente sviluppati rispetto agli umani della terra.

    L’autrice Barbara Marciniak (La via del risveglio planetario. Saggezza pleiadiana per l’evoluzione umana) è una canalizzatrice  conosciuta a livello internazionale che parla per un gruppo che si definiscono “i pleiadiani”. Autodefiniti come un “collettivo di esseri spirituali multidimensionali del sistema stellare delle Pleiadi”, la missione del gruppo (su richiesta degli stessi pleiadiani), è “assistere l’umanità nel processo di trasformazione spirituale”.

    - Advertisement -

    In sostanza, molti ricercatori UFO e canalizzatori ritengono che gli esseri extraterrestri dell’ammasso stellare delle Pleiadi siano lontani cugini degli umani e che i Pleiadiani sono motivati ​​a connettersi con l’umanità preoccupati per il futuro della Terra.

    pleiadi

    Le Pleiadi: fatti e miti

    Chiamate anche le “Sette sorelle”, le Pleiadi sono un gruppo di stelle nella costellazione del Toro. Gli astronomi si riferiscono al gruppo come M45 – la designazione deriva dal lavoro dell’astronomo francese del XVIII secolo Charles Messier, che identificò e catalogò le stelle. A una distanza di 444,2 anni luce, l’ammasso stellare più vicino alla Terra, le Pleiadi vengono utilizzate per tracciare la distanza utilizzando un metodo chiamato “scala delle distanze cosmiche“.

    La stella più brillante dell’ammasso è Alcione, che si ritiene sia sette volte più luminosa del nostro sole. Ci sono in realtà più di 1.000 stelle all’interno dell’ammasso e, in condizioni ottimali, a occhio nudo si possono vedere circa 14 stelle.

    La maggior parte delle persone, guardando l’ammasso senza ingrandimento, vede sei stelle, ma ce ne sono sette e la settima stella “persa” è un tema comune in più mitologie, tra cui indonesiana, africana, australiana, europea e nativa americana.

    Le Pleiadi nell’antica cosmologia greca

    Le Pleiadi erano le sette figlie del Titano Atlante pre-olimpico e Pleione, una ninfa. Secondo il mito, le Pleiadi, chiamate Maia, Elettra, Alcione, Taigete, Celeno, Merope e Asterope, erano dedicate ad Artemide, la dea greca della luna e della caccia.

    La costellazione appare nell’Odissea e nell’Iliade di Omero, a cui si fa riferimento come segnale per l’inizio della stagione della semina a maggio. Esiodo, un altro poeta epico greco, fece riferimento alle Pleiadi nel suo poema, Teogonia.

    Ermetismo occidentale, simbolismo esoterico e Pleiadi

    L’ermetismo, un sistema esoterico basato su scritti attribuiti a Ermete Trismegisto, include trattati sul simbolismo esoterico delle costellazioni e dei pianeti. Hermes si crede che sia il padre dell’astrologia e dell’alchimia occidentali. Si dice che i suoi scritti siano apparsi per la prima volta nella Roma del II secolo (AD) e che sia sempre stato associato al dio greco Ermete Trismegisto e all’egiziano Thoth.

    Secondo le tradizioni ermetiche, le sette stelle aprono i ricercatori a un livello di coscienza più raffinato. Considerato come una “scuola di apprendimento” dagli ermetici destinata solo coloro che sono stati purificati dai blocchi energetici al corpo sottile.

    L’invito e l’iniziazione agli insegnamenti della saggezza Pleiadiana vengono spontaneamente durante il sonno o la meditazione profonda.

    Le Pleiadi nella mitologia norrena, celtica e dell’età del bronzo

    pleiadi
    Nebra Sky Disk per gentile concessione di Wiki Commons

    Il disco di Nebra, trovato nel 1999 da cacciatori di tesori nella regione tedesca della Sassonia-Anhalt, ritrae l’ammasso stellare con la luna e il sole — datato al 1600 a.C., i ricercatori ritengono che potrebbe essere stato uno strumento astronomico portatile. Il manufatto è la prima rappresentazione conosciuta dell’ammasso delle Pleiadi in Occidente.

    Nell’Europa dell’età del bronzo, il solstizio d’autunno e l’equinozio d’inverno erano associati al dolore e al lutto. Al solstizio, le Pleiadi sorgevano a est come il tramonto a ovest, quindi l’associazione con il lutto e il passare dell’estate e la stagione del raccolto.

    Per le culture scandinave o vichinghe, le Pleiadi erano considerate i pulcini di Freyja, essendo Frejya la dea nordica dell’amore, della bellezza e della fertilità. Per protezione, alcuni dipingevano sette macchie, che rappresentano le sette stelle, sui pollai. Le coccinelle erano associate al grappolo a causa delle sette macchie sulle ali.

    Le Pleiadi nelle cosmologie asiatiche

    La prima menzione astronomica dell’ammasso stellare delle pleiadi forse risale agli Annali cinesi del 2350 aC .

    Il tentacolare Mausoleo Xiaoling è il complesso di tombe dell’imperatore Hongwu, fondatore della dinastia Ming, se visto dall’alto, si può notare la disposizione delle stelle Pleiadiane visibili. Secondo l’autore Wayne Herschel, questa geoformazione è una mappa stellare. Chiamato il “tumulo del tesoro”, si dice che la tomba contenga “grandi segreti cosmici oltre a un tesoro”.

    In Giappone, l’azienda automobilistica “Subaru”, prende il suo nome proprio dalle Pleiadi, e il logo ne è la rappresentazione.

    Secondo il mito, Amaterasu, la dea del sole giapponese, avrebbe litigato con suo fratello Susanowo, l’incarnazione del potere della natura. Intimidita, si nascose in una grotta. Il mondo si oscurò e per invogliarla a tornare indietro, i suoi gioielli furono appesi a un albero sacro nelle vicinanze: alla fine, lasciò la grotta e tornò in cielo in modo che la terra fosse di nuovo nutrita dalla sua luce. I gioielli di Amaterasu erano associati al Subaru, o ammasso delle Pleiadi. La storia è un’allegoria: proprio come il sole diventa basso nel cielo in inverno, i “gioielli” Subaru possono essere visti come un promemoria che il sole tornerà in primavera.

    La mitologia indù sostiene che le sette sorelle, chiamate Krrtika dell’Orsa, fossero sposate con i Rishi, i sette saggi che componevano le stelle Maggiore. Tutti vivevano insieme felici nel cielo del nord.

    Miti delle Pleiadi dei nativi americani

    Le leggende Cherokee insegnano che i nativi americani hanno avuto origine molto tempo fa nelle Pleiadi e affermano che gli indigeni sono sulla Terra come “semi stellari”, con la missione di portare luce e conoscenza. I Navajo chiamano l’ammasso stellare Pleiadiano “Sparkling Suns” e gli Irochesi chiedono la costellazione della felicità. I Lakota/Dakota dicono che i loro antenati provengono dalle Pleiadi.

    Un mito Cherokee racconta la storia di sette ragazzi che giocavano un gioco con pietre rotolanti e bastoni e avevano trascurato i loro compiti. Le loro madri li tormentavano senza successo e decisero di punirli.

    Arrabbiati, i ragazzi iniziarono a ballare e pregare per l’aiuto degli spiriti. Alla fine, le loro madri li hanno cercati e li hanno trovati a ballare, ma mentre ballavano si alzavano da terra. Le madri corsero a recuperare i loro figli, ma troppo tardi: i loro ragazzi erano ormai fuori portata. Alla fine, i ragazzi salirono nei cieli e divennero l’ammasso delle Pleiadi, che i Cherokee chiamano ancora Ani’tsutsa (i ragazzi).

    I Dakota del Midwest credeva che l’ammasso fosse la dimora degli antenati, e quando moriamo, andiamo a vivere nelle Pleiadi. Una storia famosa racconta di sette fanciulle inseguite da un orso. Le ragazze pregarono gli dei, che risposero sollevandole in aria. L’orso arrabbiato artigliò la terra, lasciando segni di artigli, ma alla fine si arrese e se ne andò. Le fanciulle furono trasformate in stelle e poste nel cielo per la custodia eterna, e il punto in cui si trovavano è ora la “Torre del diavolo” del Wyoming, completa di enormi striature verticali che i Dakota pensano siano segni degli artigli dell’orso.

    torre del diavolo

    Questo è un piccolo esempio di mito e simbolismo Pleiadiano. Questo ammasso stellare relativamente piccolo ha assunto un significato proporzionalmente enorme in quasi ogni antica tradizione e cosmologia. Forse istintivamente diamo un grande significato alle Pleiadi perché abbiamo un posto per loro nella nostra coscienza collettiva – per ora, non sappiamo perché, ma forse lo scopriremo man mano che la coscienza si evolverà.

     

     

    Viviliberamente.com vuole essere una guida nei percorsi personali di trasformazione della gente fornendo contenuti difficili da trovare o in alcuni casi anche nascosti.

    Come i nostri membri, lo staff di Viviliberamente.com è guidato dalla curiosità, dalla passione e dal desiderio di crescere, mentre continuiamo nei nostri viaggi e ricerche spirituali.

    I nostri membri ispirano la nostra stessa autenticità: la ricerca della trasformazione non finisce mai. Se c’è un argomento di cui vorresti saperne di più, faccelo sapere. Puoi anche unirti a Viviliberamente.com come autore che contribuisce e aiutarci a connettere i lettori a persone e idee che alimentano una vita consapevole. Contattaci per info.

    Saremmo inoltre veramente contenti se tu lasciassi un commento con qualche feedback qui sotto il post.
    A te prende un minuto del tuo tempo, per noi è fonte di grande soddisfazione!
    Grazie

    2 Commenti

    5 1 vote
    Gradimento Articolo
    Notifiche
    Notificami
    guest
    2 Commenti
    I più nuovi
    I più vecchi I più votati
    Inline Feedbacks
    View all comments
    Alessia
    Alessia
    2 mesi fa

    Ho sentito parlare anche di razze provenienti da Orione, sono le stesse?

    I NOSTRI SOCIAL

    FollowerSegui
    FollowerSegui
    FollowerSegui
    newsletter
    Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

     

    Il caricamento

    In Evidenza

    Cosa sono i “Sogni Lucidi” e quali sono le tecniche consigliate

    Per sogno lucido si intende un sogno avuto in coscienza del fatto di stare dormendo, con in più la capacità di muoversi in maniera...

    ADS

    spot_img

    DA LEGGERE

    - Advertisement -spot_img
    error: Funzione di copia del testo disabilitata !!
    2
    0
    Ti ringraziamo per ogni condivisione.x
    ()
    x