lunedì, 26 Settembre 2022
banner karmaweb
HomeUfologia ed EsoterismoL'UOMO CHE HA VISTO BASI ALIENE SULLA LUNA

L’UOMO CHE HA VISTO BASI ALIENE SULLA LUNA

Tempo stimato di lettura: 7 minuti

Ingo Swann ha affermato di essere un sensitivo che è stato impiegato dalla CIA per vedere a distanza il lato oscuro della luna. In particolare per cercare una presenza aliena.

Sembrava fantascienza. Ma nel 2006, quando la CIA ha iniziato a rilasciare documenti sul progetto Stargate, la partecipazione di Swann al programma è stata confermata. Quando a Swann è stato chiesto dell’esistenza degli extraterrestri, ha detto che non solo erano già qui, ma che stanno (!) costruendo qualcosa dall’altra parte della luna, e secondo Swann, questi alieni non sono amichevoli.

Ingo Swann ha coniato il termine “Visualizzazione remota” il 7 dicembre 1971 presso l’American Society for Psychical Research (ASPR), New York. Swann è stato uno dei fondatori nel 1978 e un partecipante chiave del programma Stargate (1978-1995), utilizzato dall’esercito e dalle agenzie di intelligence statunitensi (compresa la CIA) per lo spionaggio psichico e la raccolta di informazioni.

- Advertisement -

Quando nel 1998 Ingo Swan pubblicò il suo libro intitolato “Penetration”, sosteneva di essere un sensitivo che era stato assunto dalla CIA per teletrasmettere, cioè vedere in modalità “visione remota”, il lato oscuro della Luna allo scopo di cercare presenze aliene. Sembrava fantascienza. Ma nel 2006, quando la CIA ha iniziato a rilasciare documenti sul Progetto Stargate, la partecipazione di Swan al programma è stata confermata. Quando a Swan fu chiesto dell’esistenza degli extraterrestri, disse che non solo erano già qui, ma che stavano costruendo qualcosa sul lato più lontano della Luna. E secondo Swan, questi alieni non sono amichevoli.

Scopriamo perché.

Quando Ingo Swan era bambino, la sua famiglia notò che aveva un potenziale psichico. Quando è diventato più grande, ha voluto esplorare questo talento, così ha iniziato a offrirsi volontario per esperimenti sull’ESP. All’inizio, i ricercatori hanno testato Swan per vedere se poteva influenzare le piante con l’attività mentale o alterare la temperatura di un ambiente usando la sua mente. Swan ebbe un successo tale che sempre più scienziati si interessarono a lui. Ma è qualche anno dopo che Ingo Swan troverà la sua specialità.

All’inizio degli anni ’70, Swan partecipò a uno studio della Società Americana di Ricerca Psichica, che prevedeva che Swan si sedesse su una sedia e cercasse di proiettare la sua coscienza in scatole sigillate contenenti simboli che Swan avrebbe cercato di leggere. Durante un esperimento, gli fu chiesto di vedere cosa vedeva all’interno di una scatola e Swan disse di non vedere nulla, solo buio. Il ricercatore rimase deluso e disse: “Oh, che peccato. Proviamo con qualcos’altro. Swan disse: “No, vedo il buio perché la lampadina all’interno della scatola è bruciata”.

Il ricercatore era perplesso. Si avvicinò alla scatola, la aprì e, la lampafina era realmente spenta diventò quindi molto popolare in quegli ambienti per le sue capacità.

Il successo di Ingo Swan in questi primi esperimenti attirò l’attenzione dello Stanford Research Institute. Per anni questo dipartimento di ricerca ha effettuato la visualizzazione a distanza di luoghi in tutto il mondo. Ma quando conobbero Ingo Swan, che ha avuto un grande successo in questo campo, si sono chiesti se fosse in grado di visualizzare a distanza altri luoghi del Sistema Solare.

Nel 1973 è stato condotto un esperimento in cui è stato chiesto a Ingo Swan di proiettare la sua coscienza sul pianeta Giove.

All’inizio Swan rifiutò l’idea. Ingo Swan non ha mai voluto visualizzare a distanza qualcosa che non potesse essere confermato. Ci sono molti imbroglioni che affermano di avere capacità psichiche e Swan teneva alla sua reputazione. Non vedeva l’utilità di andare su Giove se le sue osservazioni non potevano essere confermate. Ma i ricercatori dello Sri dissero a Swan che Giove era stato scelto perché la NASA aveva delle sonde in arrivo proprio in quel periodo.

Swan accettò e fece molte osservazioni su Giove che furono presto confermate dalle sonde Pioneer. Vide un mantello di idrogeno, tempeste rotanti come cicloni. Parlò di letture elevate all’infrarosso, dei colori delle nuvole e dei cristalli di ghiaccio nell’atmosfera. Le sonde lo confermarono. Gli scettici diranno in seguito che tutte queste osservazioni potevano essere dedotte con gli attuali strumenti di osservazione disponibili.

Ad esempio, Giove ha violente tempeste. Possiamo vederle. Lo stesso vale per il colore delle nuvole, per gli infrarossi e per i cristalli di ghiaccio atmosferico. Anche se non possiamo vedere queste cose, possiamo dedurre che ci sono.

Ma Swan vide anche qualcos’altro, qualcosa di nuovo.

Ha detto di aver visto un anello intorno a Giove, proprio come quello di Saturno. Ma l’anello di Giove, secondo Swan, era molto più piccolo di quello di Saturno e più vicino al pianeta. Secondo Swan, era composto da polvere e piccoli asteroidi. Non si tratta di qualcosa che possiamo vedere dalla Terra o che possiamo anche solo supporre che ci sia.

La sonda ha visto l’anello?

Gli anelli di Giove

Le sonde Pioneer nel 1009 sette tre e nel 1974 non hanno visto un debole anello intorno a Giove. Ma quando il Voyager One passò vicino a Giove nel 1979 … beh l’anello fu visto eccome. (vedi informazioni su Wikipedia)

Io non sono questo corpo in termini di coscienza. E la coscienza può andare dove il corpo non può.

Ingo Swan era così preciso come spettatore remoto che la gente cominciò a prenderne atto. In particolare il governo degli Stati Uniti, ovviamente. Nel marzo 1975, Ingo Swan ricevette una telefonata alle tre del mattino. Gli fu detto di recarsi a Washington e di visitare il Museo di Storia Naturale. Lì avrebbe dovuto posizionarsi vicino all’elefante nella rotonda centrale a mezzogiorno.

Così fa, puntuale come da programma. Un uomo dall’aspetto militare gli si avvicina e gli consegna un biglietto. C’è scritto:

“Non parlare e non fare domande. Questo è per la nostra sicurezza e per la vostra. Seguitemi, per favore.

Viene condotto a un’auto e fatto sedere accanto a un altro uomo dall’aspetto militare. Nel suo libro li chiama i Gemelli. Il gemello numero due gli porge un altro biglietto. C’è scritto Per favore, non parlare. Dobbiamo perquisirla per cercare dispositivi di ascolto.

Lo fanno. E gli viene consegnato un ultimo biglietto. Vorremmo il suo aiuto per un progetto adatto al suo talento. Si sente a suo agio in un elicottero? I gemelli prendono le carte dalla mano di Ingo Swan. Poi gli mettono un sacchetto in testa. La macchina sfreccia via.

Sebbene Ingo Swan non potesse vedere, aveva la sensazione di essere guidato in cerchio. Alla fine viene condotto fuori dall’auto, dove sente un elicottero che si alza in volo. Con il volto ancora coperto, viene allacciato alla cintura e trasportato in un luogo vicino a Washington. Quando l’elicottero atterra, Swan viene condotto in un edificio tranquillo e poi in un ascensore. La porta è aperta e il cappuccio viene finalmente rimosso.

Quindi un uomo dall’aspetto gentile si presenta come il signor Axelrod. Ingo Swan è ovviamente nervoso e il signor Axelrod se ne accorge. Sorride, gli dice di non preoccuparsi, che non corre alcun pericolo, e gli offre un sigaro. Swan lo prende volentieri. È la sua marca. Gli uomini vanno in un ufficio, si siedono e si godono un sigaro, e Axelrod fa una proposta. Axelrod dice di rappresentare un gruppo che vorrebbe che Swan partecipasse a un progetto di visione a distanza. Per il suo impegno, Swan verrebbe pagato 1.000 dollari al giorno in contanti, una bella cifra oggi figuriamoci a quei tempi.

Ingo Swan ha davvero bisogno di soldi, ma per ottenerli ci sono alcuni problemi. Innanzitutto, non può rivelare nulla a nessuno e non può parlarne per almeno dieci anni. L’altro ostacolo è che, per i prossimi giorni, Swan non potrà lasciare la struttura. Gli verrà fornita una stanza confortevole, la TV, la palestra, la piscina e tutto ciò di cui ha bisogno. Ma se accetta il lavoro, rimane sul posto, sotto costante sorveglianza. Ingo Swan è tranquillo per un po’. Per quanto folli siano stati gli ultimi anni, non ha mai vissuto una situazione del genere. Chiamate misteriose nel cuore della notte, riunioni clandestine, strutture sotterranee. E ora uno strano uomo gli offre un sacco di soldi per una missione sconosciuta. Axelrod vede Swan elaborare tutto questo e alla fine gli chiede se è d’accordo con le condizioni. Twan fa cenno di sì. Axelrod spegne il sigaro, stringe la mano a Swan e dice: “Bene. Riposati un po’. Domani cominciamo.

La mattina dopo, Axelrod dice a Ingo Swan che osserverà a distanza la Luna, e Swan è confuso. Ma Axelrod gli ricorda che non ci sono domande, giusto? Swan riceve un elenco di coordinate e le esamina una per una. In alcune località non vede nulla, ma in altre riesce a vedere. Grandi scogliere, crateri visibili, dune di polvere bianca. Tutte cose che ci si aspetta di vedere sulla Luna.

Infine, Swan si imbatte in qualcosa di interessante e confuso.

Descrive di aver visto tracce sulla superficie, tracce che sembrano essere state fatte da trattori o da qualche tipo di macchinario. Vede disegni che sembrano fatti dal vento, anche se la Luna non ha atmosfera.

Presumibilmente.

Già “presumibilmente” perchè Swan ha la sensazione che ci sia un’atmosfera. Poi Swan si sposta in un cratere che si riempie di una foschia verde. Qualcosa sta generando luce e Swan nota che la luce è diffusa. E la luce diffusa non è possibile sulla Luna. È necessaria un’atmosfera per diffondere la luce. Quindi, se non è l’atmosfera, cos’è? Si avvicina alla luce. Swan vede qualcosa che assomiglia a un campo d’aviazione. Descrive grandi strutture come strade, torri e macchinari. Attraverso crateri e voragini, ci sono ponti, prove di un’intensa attività. Attività industriale. Nelle rocce ci sono buchi perfettamente rotondi, come se fossero stati scavati con grandi macchine movimento terra. Si sposta in un altro punto e vede alcune strutture che emettono luce di tutti i colori. Swan si avvicina per dare un’occhiata più da vicino.

Le cupole hanno delle finestre e, anche se l’area era buia, ha potuto vedere una sottile nebbia all’interno delle strutture e lo stesso inquietante bagliore verde. Si avvicina alle finestre e all’interno, descrive figure umanoidi che ci assomigliano. Descrive questa come un’area ad alta attività. Chiunque o qualunque cosa siano questi esseri, sono molto impegnati.

Simulazione grafica di ciò che vide Swann

Swan continua a osservare, descrivendo tutto ciò che vede. Improvvisamente, due degli esseri, poi tre, poi non più, poi ancora. Si fermano. Si girano verso la finestra dove Swan si è proiettato. Questo rende Swan molto nervoso. Dice che mi vedono. Poi, con calma, ma con urgenza, Axelrod dice: “Torna indietro. Torna subito indietro. Swan dice che mi stanno indicando. Axelrod dice a Swan con fermezza: “Torna subito indietro, lontano da quel posto”. Swan riprende conoscenza e apre lentamente gli occhi.

Infine si rivolge ad Axelrod e dice: “Sai già che sono dei sensitivi, non è vero?” Axelrod fa un respiro profondo e dice: “L’esperimento è finito. È ora di tornare a casa”.

Il video da cui è stato tratto questo testo:


 

 

Viviliberamente.com vuole essere una guida nei percorsi personali di trasformazione della gente fornendo contenuti difficili da trovare o in alcuni casi anche nascosti.

Come i nostri membri, lo staff di Viviliberamente.com è guidato dalla curiosità, dalla passione e dal desiderio di crescere, mentre continuiamo nei nostri viaggi e ricerche spirituali.

Se c'è un argomento di cui vorresti saperne di più, faccelo sapere!!!

Ma sopratutto puoi anche unirti a Viviliberamente.com come autore che contribuisce e aiuta a connettere i lettori a persone e idee che alimentano una vita consapevole.

PER APPROFONDIRE VISITA QUESTA PAGINA.

Saremmo inoltre veramente contenti se tu lasciassi un commento con qualche feedback qui sotto il post. A te prende un minuto del tuo tempo, per noi è fonte di grande soddisfazione!

Grazie

 
 
 
 
 
 
 
 
 
0 0 votes
Gradimento Articolo
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

I NOSTRI SOCIAL

FollowerSegui
FollowerSegui
FollowerSegui
newsletter
Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

Loading

In Evidenza

Perchè una meditazione “guidata” può aiutarti.

La scelta tra meditazione guidata e non guidata è interamente basata sulle preferenze personali. Alcune persone preferiranno una voce rassicurante che li guida per tutta...

ADS

spot_img

DA LEGGERE

- Advertisement -spot_img
it Italian
X
error: Funzione di copia del testo disabilitata !!
0
Would love your thoughts, please comment.x