Nell’articolo precedente “Cos’è l’Ayurveda?” ho introdotto in linea generali di cosa si occupa l’ayurveda, oggi iniziamo un piccolo viaggio più dettagliato su come utilizzare i suoi principi base quotidianamente.

Secondo l’Ayurveda, ci sono tre linee guida principali quando si tratta di mangiare. Si concentrano su come, quando e cosa mangi.

In Italia, siamo incessantemente ossessionati da cosa mangiare, discutendo costantemente su quale sia la “migliore” dieta, ignorando il valore di come mangi e quando mangi. Mangiamo generalmente in fuga, mentre guidiamo, a tarda notte, per tutto il giorno o di fretta. Molti mangiano praticamente gli stessi cibi tutto l’anno.

OFFERTE PROMOZIONALI A TEMPO LIMITATO




Abbiamo reso il mangiare molto complicato, ci sono teorie nutrizionali sempre più moderne sul mangiare, ad esempio oggi il biologico è entrato a far parte della produzione alimentare anche delle multinazionali poichè il livelli di protocollo per considerare un cibo biologico si sono altamente abbassati.

In questo modo aumentano i costi per i consumatori finali che si vedono costretti ad acquistare alimenti di minor qualità a prezzi più bassi. Tralasciando il discorso di politiche di marketing  delle grande industrie, si può comunque notare che il cibo spazzatura entra più spesso nelle nostre case prendendo il posto dei cibi sani.

Al contrario gli animali sembrano bilanciare le loro esigenze nutrizionali abbastanza bene senza la conoscenza tecnica di grassi, proteine ​​e carboidrati, noi invece contiamo incessantemente calorie e misuriamo grammi di grasso, solo per scoprire che l’ultimo studio, ci dice che le regole del mangiare hanno cambiato di nuovo.

Nell’Ayurveda le regole rimangono costanti: man mano che le stagioni cambiano e vengono raccolti diversi alimenti, questi vengono consumati in accordo con il tempo presente, del qui e ora, seguendo  i ritmi della natura.

 

Durante l’inverno, ad esempio, gli scoiattoli mangiano noci come una buona fonte di proteine ​​e grassi. Questo è un alimento perfetto per combattere il freddo e l’asciutto nei mesi invernali (stagione vata).

ayurveda- cibi- Photo web
ayurveda- cibi- Photo web

I cereali, che vengono raccolti in autunno e cotti in inverno, sono anche un perfetto cibo invernale. I chicchi cotti forniscono una base nutrizionale calda e ricca che ci aiuta ad adattarci al freddo dell’inverno.

All’arrivo della primavera, dopo aver mangiato noci e cereali durante il lungo inverno, freddo e sedentario, la natura ci offre di nuovo il cibo perfetto. Le verdure leggere e frondose a foglia verde e le bacche sono i primi alimenti raccolti in primavera (stagione del kapha) e sono l’antidoto naturale per la stagione delle allergie.

Mentre le giornate si fanno più calde a luglio e agosto, la natura fornisce frutta e verdura fresca, come anguria e peperoni, per bilanciare il caldo dell’estate (stagione pitta).

L’ayurveda è molto chiaro su questo: tutta la salute – ripetiamola – TUTTA la buona salute inizia con la digestione; con il corretto metabolismo del cibo.

Di conseguenza, una delle cose più importanti che possiamo fare per la nostra salute ogni giorno dell’anno è mangiare saggiamente.

Ayurveda- cibi - photo web
Ayurveda- cibi – photo web

 

Il cibo è considerato potente quanto la medicina.

In effetti, c’è uno sloka (scritti degli antichi testi di ayurveda) che dice “il cibo è una medicina se consumato correttamente“. Se mangiamo cibi che si adattano alla nostra fisiologia e seguiamo una routine sattvica che sostiene la digestione, i nostri corpi raccoglieranno i frutti e scopriremo che i nostri giorni saranno più felici, più sani e pieni di vera vitalità, a qualsiasi età.

Ecco i nostri migliori dieci consigli dietetici ayurvedici:

1. Mangia cibi naturalmente intelligenti

Secondo l’Ayurveda, la nostra fisiologia umana è un riflesso delle leggi dell’universo, e quanto più le nostre vite sono in sintonia con la natura, tanto più siamo sane! I nostri corpi possiedono l’intelligenza naturale per elaborare gli alimenti più vicini alla natura, come i grani interi freschi e frutta e verdura coltivate biologicamente.

Questo ha senso quando consideriamo che ci siamo evoluti come specie in milioni di anni mangiando cibi naturali e completi. È solo negli ultimi cent’anni che ingredienti artificiali e pesticidi tossici sono stati introdotti nella catena alimentare. Non c’è da stupirsi che l’incidenza del cancro sia esplosa negli ultimi secoli. Quando possibile, scegli cibi biologici non trasformati.

Inseguiamo ciò che è nel nostro controllo. Vivere uno stile di vita equilibrato, riposare adeguatamente, rimanere idratati in modo che i nostri corpi possano sbarazzarsi di impurità, ottenere qualche forma di esercizio ragionevole e mangiare cibi puri sono tutti nel nostro controllo e sono qualcosa che possiamo fare per aiutare a rimanere in salute”.

ayurveda- spezie- photo web
ayurveda- spezie- photo web

2. Evita le mode del cibo

Ogni anno i media ci propongono nuove ricerche su determinati alimenti, bevande o una nuova dieta che è garantita per funzionare. Stare al passo con le ultime novità su cosa mangiare, come, o quando, può essere una sfida. Dopo tutto, ciò che funziona per un milione di altre persone potrebbe non essere ancora giusto per noi, poiché ognuno di noi è un essere unico.

Questa è la bellezza dell’ayurveda: riconosce la nostra unicità e ci dà una conoscenza e una prospettiva che dà potere; questo ci consente di gestire la nostra salute in modo molto personalizzato. L’Ayurveda è l’antica scienza della vita intera, non una moda passeggera. È stata testata da oltre 5.000 anni!

 

3. metti in tavola sempre frutta e verdura

Mangia un sacco di frutta e verdura, non solo per il loro valore nutrizionale, ma anche perché sono buoni detergenti naturali. Le linee guida alimentari specifiche per Vata, Pitta e Kapha possono aiutarci a scegliere una varietà di frutta e verdura adatta alla nostra fisiologia e alla stagione.

Le verdure non devono necessariamente essere solo piatti separati. Aggiungili ai cereali, per farcire un panino, per arricchire stufati e zuppe, c’è sempre spazio per le tue verdure preferite in ogni piatto. Inizia la giornata con mele o pere cotte. Mangia una manciata di bacche per la merenda a metà pomeriggio.

L’ayurveda preferisce cibi biodisponibili. Cosa intendo per biodisponibile? Cucina le tue verdure anziché mangiarle crude. Sebbene le verdure crude “possano” contenere più vitamine e sostanze nutritive, possono essere più difficili da metabolizzare per i nostri corpi. Pensa a un piatto di spinaci che sono ottimi in insalata. Se sono crudi, quanto tempo impiega i nostri enzimi digestivi (fuoco digestivo) per penetrare completamente nel suo nucleo e scomporlo? Ora immagina una bella porzione di spinaci cotti.

Che sia cotta a vapore o saltata, in entrambi i casi, nella sua struttura cellulare è stata creata una “stanza” in cui i nostri enzimi penetrano e la digeriscono molto più rapidamente. Ad eccezione dei tipi prevalentemente di Kapha, la maggior parte delle persone non risponderà bene a mangiare principalmente verdure crude.

Se sei un mangiatore di insalate, prova a mangiare le verdure crude a pranzo, dando al tuo corpo il tempo di tempo per digerire il cibo. Durante le prime ore del pomeriggio, quando il sole è più alto nel cielo, il nostro agni ( fuoco) digestivo sta lavorando alla sua massima potenza. E mentre il sole tramonta, così fa agni. Quindi per bruciare il nostro più grande pasto della giornata, lo mangiamo a pranzo, lo aggiungiamo al nostro forte fuoco digestivo a mezzogiorno.

ayurveda- cibi- photo web
ayurveda- cibi- photo web

4. Siate speziati

Le spezie non solo aggiungono sapore e aroma; portano anche valore terapeutico a qualsiasi pasto. Le spezie aiutano ad aumentare l’immunità naturale, e la maggior parte di esse può aumentare la digestione così che i nostri corpi siano in grado di assorbire e assimilare i nutrienti dai cibi che mangiamo!

Secondo l’Ayurveda, ogni pasto dovrebbe contenere tutti e sei i sapori:

  • dolce
  • aspro
  • salato
  • amaro
  • astringente
  • pungente

Il predominio dei sapori sarà basato sul nostro dosha predominante. Ad esempio, una persona predominante in Vata favorirà i pasti più pesanti con gusti aspri e salati. Una persona predominante nel Kapha può favorire pasti più pungenti e una persona predominante in Pitta sapori più dolci. Ricorda, avere tutti e sei i gusti nei nostri pasti significa che la spezia è presente, ma non significa necessariamente che possiamo assaggiare apertamente ogni sapore.

5. Pulire l’organismo dall’interno

L’accumulo di ama – tossine digestive derivanti da digestione impropria – nella fisiologia è, secondo l’ayurveda, la causa principale della maggior parte dei disturbi.

Vale la pena ripeterlo: l’accumulo di ama è la causa principale della maggior parte dei disturbi. La digestione impropria può essere il risultato di alcune abitudini:

Mangiare tardi la sera quando il corpo è pronto per riposare e non è preparato per il pesante lavoro di digestione. Mangia un pasto leggero e ben cucinato almeno tre ore prima di andare a letto e cerca di essere a letto verso le 22:00 o prima.

  • Mangiare verdure crude o carni pesanti che sono più difficili da digerire.
  • Avere una digestione debole, a causa di uno squilibrio, o a causa di stress nella nostra vita.
  • Scarsa idratazione Quando il corpo non è idratato, non può rimuovere correttamente le impurità dal sistema linfatico. La produzione e il flusso di sangue possono essere influenzati negativamente, forse inibendo la capacità del nostro corpo di trasportare e mantenere l’ossigeno e i nutrienti.

Per una salute ottimale, si consiglia di completare una pulizia durante ogni cambio di stagione, di disintossicare e liberare il corpo di ama. La disintossicazione è particolarmente raccomandata all’inizio della primavera, perché è il momento in cui la natura inizia anche il ciclo annuale di rigenerazione.

Durante la purificazione, possiamo mangiare cibi leggeri ma nutrienti come la zuppa di fagioli mung o i kichari e bere molta acqua calda durante il giorno.  Puoi sorseggiare un tè disintossicante durante la giornata. Frutti succosi freschi e dolci sono ottimi detersivi.  Seguendo questo regime ayurvedico prepari e ripari il tuo corpo per la perdita di peso spontanea.

ayurveda- spezie -photo web
ayurveda- spezie -photo web

6. Bevi alla tua salute!

Quando possibile, evita la caffeina, l’alcol e le bibite gassate e passa a bevande che danno vita e vitalità. Inizia con l’acqua, la bevanda più semplice ma più trascurata: bere molta acqua calda durante il giorno aiuta a reidratare il nostro sistema ea eliminare le tossine dal corpo. Evitare di bere acqua ghiacciata, soprattutto prima, durante e dopo i pasti.

Se hai un valore alto di Pitta per bilanciare, bevi freddo; altrimenti, la temperatura ambiente o l’acqua calda sono le migliori. Quando si beve acqua ghiacciata, rallenta il flusso di sangue nella regione dello stomaco e rallenta l’azione degli enzimi digestivi. Il flusso sanguigno e gli enzimi digestivi sono direttamente responsabili della forte digestione e qualsiasi cosa che si può fare fare per sostenere il flusso sanguigno e l’azione degli enzimi  per aiutare la nostra digestione – “aiuta, non ostacolare“.

Tè ayurvedici o bevande adatte alla nostra fisiologia, formulate per correggere uno squilibrio specifico, possono aiutare a riportare in equilibrio i nostri corpi.

7.Coltiva buone abitudini alimentari

Il nostro stile di vita impegnato può portarci a mangiare in viaggio, mentre si lavora, saltare i pasti o mangiare cibi “spazzatura”. Tuttavia, l’ayurveda sostiene la convinzione che possiamo aggiungere vita ai nostri anni e anni alle nostre vite seguendo una buona routine alimentare.

Questa sana routine ayurvedica comprende: mangiare tre pasti regolari all’incirca alla stessa ora ogni giorno; fare il pranzo, il pasto principale del giorno (le cene pesanti rendono difficile la digestione e disturbare il sonno); e cucinare e mangiare cibo fresco. Gli avanzi sono considerati meno sattvici degli alimenti freschi e quando è opportuno è meglio evitarli.

Inoltre, si consiglia di dare gratitudine, secondo la tradizione ayurvedica, per il cibo che si mangia, e di stare seduti tranquillamente durante e per alcuni minuti dopo il pasto.

ayurveda-photo web
ayurveda-photo web

8. Mangia per la tua anima

La salute equilibrata va oltre il benessere fisico per il benessere nella mente, nello spirito, nelle emozioni e nei sensi. Il cibo che mangiamo può nutrire la nostra mente, il corpo e le emozioni, non solo il nostro corpo.

Cucinare e mangiare in un’atmosfera armoniosa trasforma il cibo in nettare. Un ambiente piacevole, ordinato, allegro e la compagnia nutrita di amici o parenti renderanno i pasti più nutrienti.

9. Sperimenta con ciò che mangi!

Mangiare gli stessi piatti più volte alla settimana? La tua lista della spesa contiene sempre gli stessi cibi? Esci da questa cattiva abitudine e sperimenta nuovi cibi e sapori! Prova almeno una nuova ricetta a settimana. Mangiare con gli amici può essere un ottimo modo per uscire dalla nostra routine.

Se hai un vegetale o un cereale preferito che ti piace mangiare spesso, prova a prepararlo in modo diverso (rosolare, cuocere a vapore, bollire, arrostire ) o combinalo con altri varietà di cereali, verdure o erbe.

Una o due volte alla settimana, prova a integrare nel tuo menù un piatto sano che proviene da un’altra parte del mondo.

10. E infine…….

Ricorda, il mondo è il nostro tavolo: lo sapevi che, secondo l’ayurveda, metabolizziamo con tutti e cinque i sensi? Non metabolizziamo solo il nostro cibo ma anche tutto ciò che ascoltiamo, tocchiamo, vediamo; il gusto e l’olfatto diventano parte di noi, quindi scegli saggiamente e vivi una vita più sana.

 

ayurveda-photo web
ayurveda-photo web

Mi rendo conto che questo articolo è stato un pò più lungo del solito ma se sei arrivato fino qua vuol dire che l’argomento è stato di tuo interesse, ti invito quindi ad iscriverti al sito per restare aggiornato sul prossimo articolo “ Cos’è l’Ayurvedica | Esercizio ayurvedico” che pubblicherò fra qualche giorno!

Per saperne di più

Nutrizione ayurvedica. Manuale per una nutrizione equilibrata e sana
Nutrizione ayurvedica. Manuale per una nutrizione equilibrata e sana
Dimagrire con l'ayurveda
Dimagrire con l’ayurveda
Ayurveda - Vita, Salute e Longevità
Ayurveda – Vita, Salute e Longevità

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Non c’è niente di più bello e potente che imparare.

Quando impari a chiedere,

cominci ad ottenere.

Un abbraccio,

Roberta

Namaste

PS: sarei veramente contenta se tu lasciassi un commento con qualche feedback qui sotto il post.

A te prende un minuto del tuo tempo, per me è fonte di grande soddisfazione!

Grazie

 

 

Disclamer dell'autore

Roberta
Roberta
Tutto quanto viene pubblicato su viviliberamente.com ha carattere puramente divulgativo e orientativo e non sostituisce assolutamente una consulenza medica.

Eventuali decisioni che dovessero essere prese dai lettori, sulla base dei dati e delle informazioni riportate nel sito saranno da considerarsi come assunte in piena autonomia decisionale e a proprio rischio.
ADV
karmaweb.net