Mantra: meditazione essenziale

Decidere quale mantra usare dipende in primo luogo dal tuo approccio alla meditazione – sia laico che spirituale. Questo approccio influenzerà anche i risultati che otterrai dalla pratica.

Alcuni mantra, tuttavia, sono abbastanza universali e possono essere usati con entrambi gli approcci. Esempi sono il sanscrito mantra Om  e So Hum.

Approccio mindfulness

In questo approccio, la meditazione è vista come uno strumento, un esercizio progettato per portarti a migliorare la salute, le prestazioni, il relax o la crescita personale. Non devi necessariamente credere in qualcosa di spirituale – che si tratti di Dio, illuminazione, anima o vita dopo la morte. O forse credi, ma vuoi mantenere la tua pratica meditativa separata da quella.

OFFERTE PROMOZIONALI A TEMPO LIMITATO





In questo caso, puoi scegliere un mantra dalla tua lingua. Può essere una parola o una frase breve che trasporta un messaggio che vuoi infondere nella tua psiche.

Ecco alcune linee guida che suggerisco per scegliere una parola:

  • Il significato è il più importante. Scegli una parola / frase che rappresenta qualcosa che vuoi sviluppare di più in te stesso, sentire di più o connettersi. Potrebbe essere amore, pace, libertà, consapevolezza, luce, coraggio, ecc.
  • Il suono della parola ha bisogno di parlarti. L’unico modo per rendersene conto è ripeterlo per alcuni minuti e osservare come ti senti prima e dopo.
  • Evita le parole che hanno significati dubbi o possibili connotazioni negative.

Puoi provare alcuni mantra prima di decidere quale più ti parla. Una volta scelto, è meglio usare sempre lo stesso mantra, quindi i suoi effetti si accumulano davvero.

Approccio Spirituale

Se mediti con un obiettivo o uno scopo spirituale in mente, il modo di scegliere un mantra è diverso. Puoi considerare che ogni parola contiene la sua “energia”, che è stata impregnata in esso attraverso il modo in cui è stata ripetutamente usata da altre persone. Quindi ha senso riprendere un mantra tradizionale – una parola o un suono che è stato usato dai ricercatori spirituali per secoli, con nobile atteggiamento e intenzione.

In questo caso, ha poco senso tradurre un mantra. È meglio usare la parola originale nella lingua in cui è stata concepita / scoperta (di solito in sanscrito, pali, ebraico, aramaico o tibetano). Inoltre, la pronuncia corretta e l’intonazione del mantra è molto importante, poiché puntiamo a replicare quella vibrazione sonora specifica.

Il primo passo è quindi decidere quale tradizione spirituale e lineage ti parlano di più. Una volta che sai che cosa risuoni meglio, allora puoi:

  • Trovare un insegnante / maestro di quella tradizione – qualcuno che rispetti – e chiedigli di suggerirti un mantra per te. A seconda della tradizione, un maestro di mantra avrà praticato mantra molto diversi, conoscere il tipo di vibrazione di ciascuno e sarà in grado di selezionarne uno in base ai tuoi specifici obiettivi e temperamenti.
  • Cerca i mantra usati in quel particolare percorso, prova ognuno per alcuni giorni e poi seleziona quello che più ti dà quello che stai cercando.

Quando ripeti un mantra come pratica spirituale, cerca di contemplare simultaneamente il significato o lo stato rappresentato da quel mantra. In un certo senso, questo è ciò che rende la meditazione sul mantra più che una pratica di affermazione glorificata.

Il mantra è come una password, una chiave, per un certo stato di coscienza o principio universale che vuoi sperimentare.

In questo approccio, si consiglia di mantenere il mantra segreto. Anche se è un mantra che è qui su internet, e migliaia lo praticano. La semplice ragione è: il sacro è segreto. Tratta il tuo mantra come sacro, come segreto, e quindi i suoi effetti sulla tua coscienza andranno più in profondità.

Progresso e livelli

Più ripetiamo il nostro mantra, più è “energizzato” o “magnetizzato”. Per i mantra di una sillaba, si dice che dopo 125.000 ripetizioni “ottiene una vita propria“. È la nostra ripetuta attenzione a lavorare con il mantra che lo carica. Il mantra alla fine diventa il pensiero più potente nella tua mente, e quindi puoi davvero fare affidamento su di esso per portarti la pace.

Una volta che il tuo mantra prende davvero slancio, la ripetizione diventa sempre più semplice. È quasi come se semplicemente “iniziassimo” o “connettessimo” al mantra, e continuasse da solo, portandoci nel silenzio interiore.

Questo è il progresso tradizionale della pratica:

  • Recitazione verbale – lo ripeti ad alta voce. Questo coinvolge molti dei tuoi sensi, rendendo più facile focalizzare la tua attenzione.
  • Sussurrare – le labbra e la lingua si muovono, ma non c’è quasi nessun suono in arrivo. Questa pratica è più sottile e più profonda della recitazione verbale.
  • Recitazione mentale – ripeti il ​​mantra solo nella tua mente. All’inizio, c’è naturalmente un movimento nella lingua e nella gola; ma col tempo anche questi cessano, e la pratica è puramente mentale. Questo stadio è ciò che le persone associano tipicamente alla meditazione del mantra .
  • Ascolto spontaneo – a questo punto non stai più ripetendo il mantra, ma il mantra continua da solo nella tua mente, spontaneamente, tutto il tempo. A questo punto, non c’è bisogno di preoccuparsi del suo volume, della sua velocità, ecc. Basta ascoltarlo ripetuto perché naturalmente si vuole ripetere. Questo livello è chiamato ajapa japa .

Come puoi vedere, c’è una progressione da grossolana a sottile, da sforzo a sforzo. Un potenziale errore commesso da alcune persone è quello di saltare i livelli e iniziare direttamente solo con la ripetizione mentale o con la ripetizione spontanea. Questa è una scalata molto più ripida rispetto alla progressione progressiva sopra delineata.

Anche se non ti piace la recitazione verbale e vuoi andare direttamente al livello mentale, ti consiglio di fare almeno qualche giro di sussurri all’inizio. Ciò ti aiuterà a centrare la tua mente sul mantra molto più facilmente.

In qualsiasi momento ti trovi su questa scala, se ti accorgi che la tua mente perde l’attenzione dal mantra, corre dietro ai pensieri o desideri dormire, allora  gentilmente riporta la tua attenzione sul mantra con uno sforzo più consapevole.

Ora è il momento per me di concludere e tornare al mio mantra😉

Spero che tu possa provare lo stesso interesse che provo io nei confronti di questa incredibile legge dell’Universo.

Non c’è niente di più bello e potente che imparare.

Quando impari a chiedere,

cominci ad ottenere.

Un abbraccio,

Roberta

Namaste

PS: sarei veramente contenta se tu lasciassi un commento con qualche feedback qui sotto il post.

A te prende un minuto del tuo tempo, per me è fonte di grande soddisfazione!

Grazie

 

 

 

Disclamer dell'autore

Roberta
Roberta
Tutto quanto viene pubblicato su viviliberamente.com ha carattere puramente divulgativo e orientativo e non sostituisce assolutamente una consulenza medica.

Eventuali decisioni che dovessero essere prese dai lettori, sulla base dei dati e delle informazioni riportate nel sito saranno da considerarsi come assunte in piena autonomia decisionale e a proprio rischio.
ADV
karmaweb.net

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo messaggio o commento
Per favore inserisci qui il tuo nome e cognome