mercoledì, 8 Dicembre 2021
banner karmaweb
HomeBenessereUri Geller: Gli UFO sono reali... La Nasa mi ha mostrato astronavi...

Uri Geller: Gli UFO sono reali… La Nasa mi ha mostrato astronavi aliene e io li ho visti.

Tempo stimato di lettura: 6 minuti

Il controverso sensitivo Uri Geller, le cui imprese psichiche sono state spesso accolte con un significativo grado di scetticismo tanto dal pubblico quanto ovviamente dalla comunità scientifica, ha fatto una serie di affermazioni straordinarie di recente.

Con una carriera che dura da oltre 50 anni, il mistico israeliano Uri Geller ha visto quasi di tutto, da personaggi famosi a eventi storici.

E, secondo lui, anche gli alieni.

- Advertisement -

gellerGeller afferma di aver fatto di tutto, dal spostare i cucchiai per aiutare Boris Johnson a farsi eleggere, e persino a rimuovere la Ever Given nave portacontainer dal Canale di Suez. Ma i suoi poteri potrebbero anche avergli dato perfino la possibilità di vedere dei veri alieni.

“Avevo circa cinque anni quando ho visto una sfera di luce fluttuare su Rothschild Boulevard”, ha detto al Jerusalem Post. “

Un ufficiale [israeliano] dell’aeronautica militare ha effettivamente confermato la storia anni dopo.

Tra l’altro è stato proprio in un’altra recente intervista in cui Uri Geller ha dichiarato che i poteri che ha gli sono stati “donati” da una navicella aliena che ha visto quando aveva 3 anni. Non 5 come dichiarato al Jerusalem Post, ma su questa vicenda scriveremo un altro articolo. Per cui lasciate la vostra mail in alto a destra se volete essere avvertiti.

Ma questa non è stata l’unica volta che Geller incontrava qualcosa che sosteneva provenisse da un altro mondo.

Un UFO ha dato a Uri Geller le sue abilità?

Dopo aver fatto il paracadutista ed aver combauttuto nella Guerra dei Sei Giorni ed essere stato ferito a French Hill durante la battaglia per Gerusalemme, la carriera successiva di Geller fu quella di modello maschile. Ma dopo aver impressionato i fotografi mostrando le sue abilità nel piegare i cucchiai, è stato presto invitato alle feste.

“Le persone volevano vedere cosa ero in grado di fare”, ha spiegato. “Nel tempo, le feste in casa sono diventate più prestigiose, includendo anche i generali. E una volta, mi sono ritrovato a una di queste feste Golda Meir“.

Geller ha mostrato le sue abilità all’allora primo ministro, facendogli disegnare qualcosa in bagno. Nonostante Meir sostenesse che nessuno poteva leggergli la mente si racconta che Geller riprodusse lo stesso identico disegno.

Giorni dopo, Meir era alla radio e gli fu chiesto cosa pensasse del futuro”. Rispose:

‘Non chiedermelo, chiedilo a Uri Geller.”

E da lì è iniziato tutto.

La popolarità di Geller salì alle stelle, compreso il suo famoso periodo di studio da parte dell’intelligence statunitense nei primi anni ’70, quando hanno concluso che:

“aveva dimostrato la sua capacità percettiva paranormale in modo convincente e non ambiguo”

Inizialmente nessuno credette a questa storia, nemmeno i detrattori che lo vedevano unicamente come un mistificatore, come un prestigiatore da teatro, ma poi dei documenti declassificati della CIA grazie al FOIA e risultò anche che era stato per parecchio tempo al centro di studi scientifici.

CIA-RDP96-00787R000700110003-2

Tutte queste informazioni, seppur non completamente note a tutti, oppure volutamente ignorate da chi l’ha sempre voluto ridicolizzare sono facilmente reperibili. In articoli come quelli creati dal CICAP (vedi esempio), ci si riferisce a lui come a un mistificatore solo perchè “alcune” delle sue capacità erano state facilmente replicate da un noto illusionista.

Come sempre noi non sappiamo quale sia la verità, ma ci poniamo delle domande e cerchiamo di darci delle risposte. A questo punto verrebbe da domandarsi: ma se la CIA (e non stiamo dicendo quattro scienziati magari fuori di testa), avesse esaminato i trucchi di James Randi, (l’illusionista che aveva replicato alcune abilità di Geller), avrebbe poi indicato nella relazione finale: “aveva dimostrato la sua capacità percettiva paranormale in modo convincente e non ambiguo” … Difficile da credere… poichè un conto è fare dei trucchi in un teatro, magari anche con la complicità di qualcuno, un conto è riproporre la medesima cosa in un ambiente controllato come un laboratorio scientifico (della CIA non dimentichiamolo).

Comunque questa è la sua carriera dichiarata, oggi vive in inghilterra e a dire il vero lascia un po’ interdetti quando se ne esce con dichiarazioni del tipo “che ha influenzato con i suoi poteri mentali le elezioni” , che “quando il Big Ben si fermò a causa di un guasto era stato lui” ecc ecc…

Quello che invece si è appreso molto più di recente è che pare abbia collaborato anche con la NASA… come mai un “chiacchierone” come lui, sempre (tra l’altro) in cerca di fama e di denaro (perchè anche questo va detto), abbia sempre omesso di raccontarlo e l’abbia fatto solo di recente? Forse perchè prima non poteva?

nasa geller
Un volantino della NASA riguardante un colloquio tenuto da Geller il 18 marzo 1974 (SHIPI SHTRANG).

Oggi si racconta che durante questo periodo (parliamo del 1974), Geller ha incontrato e fatto amicizia con Edgar Mitchell, un astronauta della NASA che atterrò sulla luna nel 1971 come parte della missione Apollo 14.

“Per anni ho dovuto negare la mia vera missione e camuffare il mio lavoro”, ha detto il famoso sensitivo, aggiungendo: “Poche persone conoscono la verità. Presumo che tutti i leader mondiali – Obama, Trump, Netanyahu – stiamo comunicando con ET”.

Ha parlato dopo che il Pentagono ha rilasciato il suo tanto atteso rapporto sugli UFO al Congresso degli Stati Uniti.

Uri ha detto che “da anni” il Pentagono sa che gli UFO sono reali.

Questa amicizia è stata documentata da Mitchell in persona prima della sua morte nel 2016. Ed è stato in questo periodo che Geller incontrò, sempre alla NASA Wernher von Braun, il leggendario ingegnere aerospaziale di origine tedesca.

“Von Braun era stato un nazista – lo chiamavano il padre dei razzi. Ha realizzato i razzi V2″, era un genio ha detto Geller al Post durante una intervista. Ma “Kennedy aveva ritenuto di portarlo negli Stati Uniti in modo che potessero usare la sua mente. All’inizio ero riluttante a incontrarlo. Ma alla fine, la mia curiosità ha superato le mie emozioni”.

Geller e il suo migliore amico, Shipi Shtrang, che sarebbe diventato suo cognato, si sono recati al Goddard Space Flight Center della NASA nel Maryland. Mentre era lì, Geller diede a Shtrang la sua telecamera spia tedesca Lennox, che sostenne di aver usato mentre lavorava per la CIA. Con questa fotocamera, Shtrang ha scattato foto di Geller, Mitchell, von Braun e altri.

Dichiarazioni su Twitter

Ecco una delle foto che Uri Geller ha pubblicato su twitter a giugno di quest’anno (testo nell’immagine tradotto dall’inglese):

geller
Von Brown e Geller insieme nel 1974 probabilmente alla NASA

Von Braun all’inizio non voleva credere a Geller.

“Ha detto di aver sentito parlare dei miei poteri e mi ha detto che mi avrebbe creduto solo se fossi riuscito a piegare la sua fede, che si era tolta dal dito e inserita nel suo stesso pugno.” – Lo feci, racconta Geller!

Wernher von Braun lo condusse nel suo ufficio, aprì una cassaforte prese un oggetto da e glielo diede. Ha detto che era un pezzo di un UFO schiantato.

“Voleva che gli dicessi cosa sentivo dal materiale. Ho sentito che non era terrestre: era metallico, allungato e aveva una tonalità che non avevo mai visto prima.

Ha detto che il materiale sembrava “come se fosse vivo”, che “respirava”.

“La superficie aveva una qualità simile a una perla che sembrava quasi avere un colore tridimensionale”.

Sentivo che non era terrestre: era metallico, allungato e aveva una tonalità che non avevo mai visto prima. Sembrava che fosse vivo. Come se stesse respirando.

geller
Uri Geller mentre esamina un qualcosa. Non è certo si trattasse del metallo mostratogli da Von Brown…

“Non posso credere ai miei occhi”

Uri afferma che gli sono state mostrate prove di alieni durante esperimenti segreti al Goddard Space Flight Center.

Ha detto: “Dopo aver guidato con Wernher Von Braun abbiamo fatto tre rampe di scale nell’edificio e ci hanno dato cappotti arancioni come quelli per le spedizioni antartiche (con badge blu della NASA ricamati).

“Le porte del congelatore, pesanti e spesse, sono state aperte. Non potevo credere ai miei occhi, ma l’ho sempre saputo da quando avevo 5 anni.”

“Questa, però, è la mia linea rossa”, ha spiegato. “Non posso dirti cosa ho visto lì. Ma usa la tua immaginazione. Cosa potevano aver refrigerato?”

geller
Uri Geller e Von Brown

In una constatazione rivelata per la prima volta da Geller al Post, Katzir aveva effettivamente compilato un dossier sul mistico israeliano, completo di analisi e ritagli di giornale. Il file è stato reso di pubblico dominio e può essere visualizzato online qui.

00071706.81.D4.EE.0E

INFATTI, non importa quali siano le sue affermazioni, Geller ha sempre avuto i suoi sostenitori, che vanno da scienziati e maghi alla gente comune, compresi alcuni dei tanti in Inghilterra sabato sera quando i britannici hanno battuto l’Ucraina 4-0 nei quarti di finale di Euro 2020 – proprio come Geller aveva promesso che sarebbe successo. “Grazie, Uri Geller!” molti avevano gridato, con alcuni su Twitter che chiedevano che fosse nominato cavaliere.

Ma nonostante abbia aiutato l’Inghilterra a vincere, Geller non ha mai dato il suo sostegno allo sport israeliano.

Come mai? Afferma che la risposta è semplice: nessuno l’ha mai chiesto.

 “Non farò nulla senza che mi venga chiesto.”

L’intera carriera di Geller è stata spesso di persone che gli chiedevano di fare cose, ha detto. Non ha mai cercato un’opportunità, ma gli è sempre venuta – e ha capitalizzato su di essa.

“Sono uno showman nato e un PR man. Non ho manager o portavoce. So come seguire il flusso e fare appello ai tabloid, al governo e agli scienziati”, ha spiegato. “Posso scuotere la barca e avere successo con esso. Sono carino. Sono aperto e con i piedi per terra. Sono israeliano, sono un Sabra [nativo israeliano] e ho la faccia tosta”.

E con una carriera lunga cinque decenni e imprese famose in tutto il mondo, nessuno può negare – ci crediate o no – che Uri Geller non ha mai mancato di far parlare di se.

Voi cosa ne pensate di questo personaggio?

Viviliberamente.com vuole essere una guida nei percorsi personali di trasformazione della gente fornendo contenuti difficili da trovare o in alcuni casi anche nascosti.

Come i nostri membri, lo staff di Viviliberamente.com è guidato dalla curiosità, dalla passione e dal desiderio di crescere, mentre continuiamo nei nostri viaggi e ricerche spirituali.

I nostri membri ispirano la nostra stessa autenticità: la ricerca della trasformazione non finisce mai. Se c'è un argomento di cui vorresti saperne di più, faccelo sapere. Puoi anche unirti a Viviliberamente.com come autore che contribuisce e aiutarci a connettere i lettori a persone e idee che alimentano una vita consapevole. Contattaci per info.

Saremmo inoltre veramente contenti se tu lasciassi un commento con qualche feedback qui sotto il post.
A te prende un minuto del tuo tempo, per noi è fonte di grande soddisfazione!
Grazie

0 0 votes
Gradimento Articolo
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

I NOSTRI SOCIAL

FollowerSegui
FollowerSegui
FollowerSegui
newsletter
Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

 

Loading

In Evidenza

Cosa sono i “Sogni Lucidi” e quali sono le tecniche consigliate

Per sogno lucido si intende un sogno avuto in coscienza del fatto di stare dormendo, con in più la capacità di muoversi in maniera...

ADS

spot_img

DA LEGGERE

- Advertisement -spot_img
it Italian
X
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x