mercoledì, 8 Dicembre 2021
banner karmaweb
HomeUfologia ed EsoterismoUstioni al petto e allo stomaco per il caso ufologico di Falcon...

Ustioni al petto e allo stomaco per il caso ufologico di Falcon Lake

Tempo stimato di lettura: 5 minuti

Tra tutti i casi d’incontri ravvicinati del secondo tipo presi in esame dalla medicina il caso denominato dai media come “l’incidente di Falcon Lake” è senza dubbio uno dei più controversi e significativi.

Stefan Michalak infatti è stato curato in un ospedale per le ustioni al petto e allo stomaco che poi si sono trasformate in piaghe in rilievo su un modello a griglia.

Stefan Michalak è stato curato in un ospedale per ustioni al petto e allo stomaco che in seguito si sono trasformate in piaghe in rilievo su uno schema a griglia.
- Advertisement -

Stan Michalak il figlio di appena nove anni all’epoca può ancora ricordare vividamente quando suo padre tornò a casa malato e ferito dopo che qualcosa accadde nei boschi di Falcon Lake in Manitoba nel lungo weekend di maggio del 1967.

Il figlio ha scritto di recente un libro, non ancora edito in Italia, in cui racconta dettagli probabilmente non ancora venuti alla luce nonostante il caso all’epoca fu dibattutto moltissimo.

Fu qualcosa che mise in subbuglio la sua vita familiare e rimane uno degli incontri UFO più noti al mondo.

“Mi ricordo di averlo visto a letto. Non aveva affatto un bell’aspetto. Sembrava pallido, abbattuto”

Poi c’era l’odore.

“Quando sono entrato nella camera da letto c’era un’enorme puzza nella stanza, come un vero e proprio orribile aroma di zolfo e di motore bruciato. Era tutto intorno e usciva dai pori. Era brutto”

Ha detto Michalak, che è coautore del libro When They Appeared con il ricercatore UFO di Winnipeg Chris Rutkowski.

“Ero molto spaventato. Mio padre era stato ferito e io non ne sapevo nulla”

ha detto Michalak a CBC News ricordando quel sabato di 50 anni prima.

Nel giro di un paio di giorni, però, non solo lui ne sapeva di più, ma anche gran parte del pubblico.

La storia di suo padre bruciato da un UFO apparve sul giornale Winnipeg Tribune “ed è stato allora che tutto ha colpito il ventilatore”, ha detto Michalak.

L’incontro

Stefan Michalak era un meccanico industriale di professione e un geologo dilettante che amava avventurarsi nella natura selvaggia intorno a Falcon Lake – circa 150 chilometri a est di Winnipeg – per cercare quarzo e argento.

Aveva picchettato alcune concessioni l’anno precedente e si mise in viaggio nel weekend lungo di maggio del 1967 per esplorarne altre.

Il 20 maggio 1967, Stefan si trovava vicino a una vena di quarzo lungo lo scudo precambriano della zona, quando il cinquantunenne fu spaventato da un gruppo di oche vicine che si scatenarono in un clangore di clacson.

Secondo il suo racconto, come riportato dai giornali dell’epoca e da allora ripetuto in libri, riviste e in programmi televisivi, Stefan guardò in alto e vide due oggetti a forma di sigaro con un bagliore rossastro che si libravano a circa 45 metri di distanza.

Uno scese, secondo il racconto di Stefan, atterrando su una sezione piatta di roccia e assumendo una forma più di un disco. L’altro è rimasto in aria per alcuni minuti prima di volare via.

Credendo che si trattasse di un velivolo sperimentale segreto dell’esercito americano, Stefan si sedette e lo disegnò nella mezz’ora successiva. Poi decise di avvicinarsi, ricordando in seguito l’aria calda e l’odore di zolfo mentre si avvicinava, così come un ronzio di motori e un sibilo d’aria.

Lo schizzo di Stefan Michalak della strana imbarcazione che ha incontrato.

Notò anche una porta aperta sul lato con luci brillanti all’interno, e disse di aver sentito delle voci attutite dai suoni provenienti dall’imbarcazione.

Disse di aver chiamato, offrendo aiuto meccanico ai “ragazzi yankee” se ne avessero avuto bisogno. Le voci si zittirono ma non risposero, così Stefan provò nel suo polacco nativo, poi in russo e infine in tedesco.

Solo il ronzio e il sibilo del velivolo rispondevano.

Stefan Michalak indossa gli occhiali da saldatore che dice di aver usato per scrutare la nave che ha incontrato a Falcon Lake.

Dice che si avvicinò e notò il metallo liscio della nave, senza cuciture. Poi guardò nella porta luminosa, tirando su gli occhiali da saldatore che usava per proteggersi gli occhi mentre scheggiava le rocce durante la prospezione.

All’interno, Stefan ha detto di aver visto fasci di luce e pannelli di luci lampeggianti di vari colori, ma non ha potuto vedere nessuno o alcun essere vivente. Quando si allontanò, tre pannelli scivolarono sull’apertura della porta e la sigillarono.

Ha cercato di toccare l’imbarcazione, che ha detto di aver sciolto i polpastrelli del guanto che indossava.

L’imbarcazione ha poi iniziato a girare in senso antiorario e Stefan dice di aver notato un pannello che conteneva una griglia di fori. Poco dopo, fu colpito al petto da un’esplosione di aria o gas che lo spinse all’indietro e gli incendiò la camicia e il berretto.

Si strappò gli indumenti in fiamme mentre il velivolo si sollevò e volò via.

Sulla maglietta bruciata di Stefan Michalak è visibile una griglia di punti.

Disorientato e nauseato, Stefan inciampò nella foresta e vomitò. Alla fine tornò alla sua stanza di motel a Falcon Lake e poi prese un autobus per tornare a Winnipeg.

Fu curato in un ospedale per le ustioni al petto e allo stomaco che più tardi si trasformarono in piaghe in rilievo su un modello a griglia. E per le settimane successive, ha sofferto di diarrea, mal di testa, vuoti di memoria e perdita di peso.

Un pezzo del metallo radioattivo che è stato recuperato dal luogo dello schianto nel 1968. È stato trovato nelle fessure della roccia del Precambriano

Ha capovolto le nostre vite

Una volta che la storia venne fuori, la RCMP, l’aeronautica, i media, varie agenzie governative e orde di persone imbambolate scesero nel piccolo bungalow di River Heights a Winnipeg dei Michalak.

Ecco a chi si riferisce Michalak nel titolo del libro – quei visitatori infiniti e le telefonate, i media e la gente accampata sul prato, la gente che un giorno avrebbe seguito Michalak a scuola riempiendolo di domande.

“Ha semplicemente capovolto le nostre vite”, ha detto. “Ci sono voluti diversi anni prima che si calmasse”.

Dopo questo, e fino al giorno della sua morte nel 1999 all’età di 83 anni, Stefan credeva che non avrebbe mai dovuto dire nulla, ha detto Michalak.

Ma a quel tempo, sentiva che era un dovere. Voleva che altri, se avessero visto la stessa cosa, la evitassero e non si facessero male, ha detto Michalak.

In Polonia, prima che Stefan trasferisse la sua famiglia in Canada, era un poliziotto militare con una serie di linee guida morali che viveva – cioè, se succedeva qualcosa, doveva essere denunciato, ha detto Michalak.

Oltre al costante interrogatorio da parte delle autorità, la famiglia ha sopportato condanne e critiche in pubblico, la sanità mentale di Stefan è stata messa in discussione e Michalak è stato vittima di bullismo a scuola.

Anche se avrebbe voluto non aver detto nulla, Stefan non si è mai tirato indietro dalla storia. Inoltre non ha mai affermato di aver visto gli alieni e continuava a considerarlo un veicolo militare segreto.

“Se gli chiedevi cosa avesse visto, poteva descriverlo nei minimi dettagli, ma non avrebbe mai detto: ‘Oh, erano sicuramente extraterrestri’, perché non c’erano prove per dimostrarlo”, ha detto Michalak.

“Poteva chiedere, ‘Cosa pensi che abbia visto?’, ma fino alla sua morte, la sua storia non è mai cambiata di una virgola – niente di tutto ciò o di come l’ha raccontata”.

In tutti quegli anni da allora e con circa 300 pagine di documentazione sull’incontro, “non c’è nulla finora che abbia incrinato la sua storia”, ha detto Michalak.

La documentazione

Per chi vuole approfondire con i dettagli tecnici, l’interrogatorio completo subito da Stefan e tutti i documenti ufficiali vi rimando al video qui sotto.

Viviliberamente.com vuole essere una guida nei percorsi personali di trasformazione della gente fornendo contenuti difficili da trovare o in alcuni casi anche nascosti.

Come i nostri membri, lo staff di Viviliberamente.com è guidato dalla curiosità, dalla passione e dal desiderio di crescere, mentre continuiamo nei nostri viaggi e ricerche spirituali.

I nostri membri ispirano la nostra stessa autenticità: la ricerca della trasformazione non finisce mai. Se c'è un argomento di cui vorresti saperne di più, faccelo sapere. Puoi anche unirti a Viviliberamente.com come autore che contribuisce e aiutarci a connettere i lettori a persone e idee che alimentano una vita consapevole. Contattaci per info.

Saremmo inoltre veramente contenti se tu lasciassi un commento con qualche feedback qui sotto il post.
A te prende un minuto del tuo tempo, per noi è fonte di grande soddisfazione!
Grazie

0 0 votes
Gradimento Articolo
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

I NOSTRI SOCIAL

FollowerSegui
FollowerSegui
FollowerSegui
newsletter
Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

 

Loading

In Evidenza

Cosa sono i “Sogni Lucidi” e quali sono le tecniche consigliate

Per sogno lucido si intende un sogno avuto in coscienza del fatto di stare dormendo, con in più la capacità di muoversi in maniera...

ADS

spot_img

DA LEGGERE

- Advertisement -spot_img
it Italian
X
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x